Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Regia Marina fuori dal Mediterraneo PDF Stampa E-mail
Scritto da Daniele Lembo   
Venerdì 09 Novembre 2012 00:07

alt
Mar Rosso – Atlantico - Mar Nero

 

Per i tipi della romana IBN Editore, Daniele Lembo ha pubblicato nel 2012 “La Regia Marina fuori dal Mediterraneo – Mar Rosso – Atlantico - Mar Nero”. Al 10 giugno 1940 la flotta italiana che si avviava a sfidare la supremazia inglese nel Mediterraneo era la quarta Marina più grande del mondo e dava un’impressione di potenza e di efficienza. La sfida della regia Marina agli inglesi nel Mediterraneo e le relative operazioni navali sono state oggetto di numerosi studi. Sono state scritte migliaia di pagine che trattano di scontri come le battaglie di Punta Stilo, Capo Spada, Capo Teulada, Capo Matapan, Capo Bon, Prima e seconda Battaglia della Sirte e le battaglie di Mezzo Giugno e Mezzo Agosto. Minore attenzione è stata posta, invece, verso l’attività della Regia Marina fuori dal quella grossa vasca da bagno che è il Mediterraneo. Il nuovo lavoro di Daniele Lembo intende fare proprio il punto su come la Regia Marina visse quegli anni di guerra negli altri mari, ovvero in Atlantico, in Mar Rosso e in Mar Nero.
Daniele Lembo, IBN Editore, “La Regia Marina fuori dal Mediterraneo – Mar Rosso – Atlantico - Mar Nero” pagg. 107, euro 14.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.