Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Liberate Carlo PDF Stampa E-mail
Scritto da libero.news   
Martedì 03 Marzo 2009 01:00

Giovedì davanti all'Ambasciata Usa manifestazione per il nostro connazionale deportato

'Il mio compagno è detenuto negli Usa da quattro anni per un'accusa ingiusta. Lo hanno arrestato e condannato sulla base di falsità e omissioni di prove. Carlo è un cittadino italiano. Le istituzioni hanno il dovere di intervenire''. E' un grido disperato quello di Katia Anedda, impegnata da anni nella battaglia per la liberazione di Carlo Parlanti, 44enne fisico e analista-programmatore di Montecatini Terme, detenuto dal 2005 in California per scontare una condanna a 9 anni per sequestro di persona, violenza sessuale e domestica nei confronti della sua ex convivente Rebecca McKay White. Una condanna ingiusta ''senza ombra di dubbio'', secondo la compagna e i tanti sostenitori della causa di Parlanti. Katia Anedda è un vulcano di iniziative e ad arrendersi alla sorte non ci pensa nemmeno. Per Carlo ha messo su un sito web (www.carloparlanti.it), un gruppo su facebook che conta oltre 1.200 iscritti (tra i tanti membri anche Francesco Storace), una petizione ai governi italiano e californiano da firmare on line (www.petitiononline.com/parlanti/petition.html). Sul caso è riuscita a portare un'attenzione bipartisan, sensibilizzando europarlamentari di entrambi gli schieramenti, come l'ex astronauta Umberto Guidoni (Unire la sinistra) e il segretario di Fiamma Tricolore Luca Romagnoli, ma anche, in casa nostra, deputati e senatori dell'Idv, come Fabio Evangelisti, e del Pdl come Marco Zacchera, Guglielmo Picchi e Mauro Cutrufo (vice sindaco di Roma). Pure tra gli amministratori locali, c'è chi sostiene la causa di Carlo. A cominciare dal sindaco e dal vicesindaco della sua città, Montecatini, Ettore Severi e Alberto Lapenna per finire con l'assessore alla Cooperazione internazionale, perdono e riconciliazione dei popoli della Regione Toscana, Massimo Toschi. "Il 5 marzo con la mamma di Carlo e il suo avvocato, Franco Cardiello, manifesteremo davanti all'Ambasciata americana a Roma, mentre davanti ai consolati di Milano, Firenze e Napoli ci saranno dei presidii di Casapound Italia, che ci sta aiutando in questa difficile battaglia", annuncia all'ADNKRONOS Katia Anedda, spiegando: "Io e i tanti amici che ci sostengono faremo di tutto per mobilitare l'opinione pubblica e le istituzioni affinché si facciano portavoce della nostra istanza di giustizia. Ho sentito Carlo ieri. E stato entusiasta quando ha saputo della nostra iniziativa per lui''.
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.