Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
I no-troval PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Domenica 31 Maggio 2009 10:32
 

Flop alla manifestazione anti-G8. Rissa tra i partecipanti. L'escamotage pinocchiesco antifascista. Il video

Ancora un flop, anzi un superflop. Il corteo nazionale della sinistra antagonista che sabato a Roma doveva partire alle 14,30 ha più volte ritardato l'inizio per mancanza di partecipanti. Infine alle 16,30 ha iniziato a sfilare, Un numero basso, la stessa Repubblica ha parlato, in diretta, prima dei ritocchi di rito, di mille persone ma probabilmente saranno state qualche centinaia di più.

Il bersaglio doveva essere il G8 ma si sa che la rivoluzione è un optional, sicché il corteo ha preferito ripiegare sul solito antifascismo, tanto più che, more solito, si concludeva nei pressi di Casa Pound. D'altronde già ai tempi d'oro dei noglobal, otto anni e mezzo fa (di fatto un secolo) questi preferirono trasformare la protesta contro la presenza della Trilateral a Milano in un molto più audace presidio anti Forza Nuova.

Stanchi, fiacchi, delusi, inaciditi, gli “antagonisti” hanno finito col litigare tra loro durante la loro passeggiata del sabato. Ad avere la peggio i rash (ovvero le teste rasate antifasciste), che sono poi la punta più radicale del movimentino. Ad impedire che le cose degenerassero è intervenuta la polizia che ha portato via i cinque rash sottraendoli alla coraggiosa reazione della maggioranza più moderata.

E allora, a mascherare la figura ridicola e patetica, ecco l'ultima trovata: i rash diventano fascisti! Non dura a lungo però perché si conoscono subito le loro generalità e quindi la loro appartenenza. Allora la versione cambia: i fascisti avrebbero aggredito il corteuccio lanciando bottiglie da una via secondaria e i rash li avrebbero rincorsi ma sarebbero stati bloccati dalla polizia, fascista anch'essa ovviamente. Una versione completamente fantasiosa, immediatamente smentita dalle autorità ma alla quale si aggrappano – come ai tempi di Piazza Navona – in modo pietoso e patetico i residuali soviet della comunicazione, sempre più esangui per la verità.

A smentirli completamente il video intero dell'accaduto che mostra come di lite interna si sia trattato, come i rash siano stati aggrediti dai più e come la polizia li abbia tratti in salvo.

Il tutto è palese su:

 

http://tv.repubblica.it/copertina/quasi-linciati-5-rash/33317?video

 

Per il resto inutile infierire su questi nostalgici presi da disperazione; bisogna capirli, il ghetto non fa bene al morale e ai nervi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.