Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Nel nome del padre PDF Stampa E-mail
Scritto da Nuova Europa   
Sabato 11 Luglio 2009 12:10
 

Russia: un altro pezzo di memoria leninista scompare dalla capitale

     Mosca si prepara a dire addio ad un altro pezzo di passato sovietico: la stazione Leningradsky presto sarà ribattezzata Nikolayev, in onore dello zar che ne ordinò la costruzione nel 19esimo secolo e di una crescente attenzione ai desideri della chiesa ortodossa, che chiede di prendere le distanze dai 70 anni di impero ateo. Le Ferrovie di stato russe, infatti, hanno precisato che la decisione di cambiare nome alla storica stazione è stata presa come parte di un accordo con il patriarcato. D'altronde, se dalla stazione Leningradsky se un tempo si partiva da Mosca per Leningrado, ora la meta si chiama San Pietroburgo. Nel 1991, infatti, un referendum stabilì il cambio di nome della città sulla Neva, riportandolo alla paternità di Pietro il Grande.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.