Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Per il Mutuo Sociale PDF Stampa E-mail
Scritto da CasaPound Italia   
Lunedì 03 Agosto 2009 06:33
 

Occupato in via Mameli il palazzo del Vescovo per protesta contro l'assenteismo della giunta pontina sull'emergenza abitativa

           Ieri mattina i militanti di Casapound hanno occupato in Via Mameli il cosiddetto “palazzo del Vescovo” edificio nel centro della città da anni ormai abbandonato.

Un gesto simbolico e allo stesso tempo dirompente messo in atto per protestare contro l’improduttiva politica del Comune di Latina nel fronteggiare l’emergenza abitativa. “Abbiamo scelto un edificio simbolo del degrado e dell’abbandono della nostra città, un edificio che come tanti altri potrebbe essere utilizzato per dare dignità e rifugio ai troppi cittadini che si trovano a non avere un tetto sopra la propria testa” – spiega Enzo Savaresi responsabile di Casapound – “Siamo stanchi di vedere un’amministrazione comunale disattendere le aspettative dei propri cittadini con un cinismo che aiuta sempre i soliti noti, costruttori in testa e la vergognosa perdita di fondi provenienti dalla Regione per costruire alloggi residenziali pubblici è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Combatteremo questo stato di cose con ogni mezzo, con azioni come queste ma anche con proposte rivoluzionarie come il Mutuo Sociale. Latina deve diventare la prima città d’Italia ad applicare questa formula che risolve concretamente il problema casa nel nostro Paese” - conclude Savaresi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.