Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
I Sacco e i Vanzetti PDF Stampa E-mail
Scritto da prigionieridelsilenzio   
Martedì 25 Agosto 2009 09:06
 

Rammentiamo i casi più eclatanti

    Il nostro staff augura a tutti un buon rientro e chiede di non far cadere le ombre del silenzio a quanti dei nostri connazionali vivono la detenzione all’estero.
Vi invitiamo a conoscere le storie dei nostri connazionali

Tra le storie piu’ discusse negli ultimi anni, vi segnaliamo:

Giuseppe Ammirabile il nostro connazionale condannato a 57 anni in Brasile per dei reati di cui i massimi capi d’accusa sono caduti nel processo di appello ma la sentenza si è solo ridotta a 50 anni il sito ufficiale http://www.giuseppeammirabile.org dove potete entrare in contatto con Giuliana Giovene, instancabile moglie che corre da una parte all’altra del Brasile al solo scopo di avere uno spiraglio di giustizia.

Carlo Parlanti condannato a 9 anni di reclusione nella civile California sulla base di dichiarazioni e prove false che la legge dispone come crimini, caso principe di Prigionieri del Silenzio per il quale nemmeno le istituzioni sia italiane che americane hanno il coraggio di confutare le prove di innocenza, rispondendo semplicemente “la giuria ha deciso….”

Angelo Falcone condannato a 10 anni in India per traffico di stupefacenti sulla base di dichiarazioni che lasciano molti dubbi

Chico Forti condannato all’ergastolo in Florida sulla base di indizi e un processo che lascia molti dubbi

Claudio Castagnetta e Simone Renda di cui trovate articoli sul nostro sito, uccisi nelle carceri straniere da innocenti.

Vi invitiamo a conoscere le loro storie, toccare con mano il dolore delle loro famiglie e non far cadere il silenzio su di loro.
Ci sono più di 2500 altri connazionali nelle prigioni di tutto il mondo che chiedono, avvolti dal Silenzio dei media e delle istituzioni, quei diritti che un mondo civile non dovrebbe negare.
Vi chiediamo di conoscere e non tacere tutte le vicende di innocenti privati della libertà al link: http://www.justicedenied.org/ trovate notizie e spunti interessanti
Su Facebook potete accedere a molti dei gruppi di supporto creati per molti dei nostri connazionali sopra citati, e potete intervenire dando i vostri suggerimenti e supportando anche psicologicamente le famiglie e amici
Servizi Utili

Grazie a Pietro S. B, supporter da lunga data di Carlo Parlanti abbiamo scoperto che esiste un servizio, reso dalla società "PC to Paper" e e fruibile qui: http://www.pc2paper.co.uk , che consente di inviare, tramite internet, attraverso la rete postale britannica e statunitense delle lettere da web in poco tempo e con minima spesa.
Per usufruire del servizio, basta registrarsi inserendo i propri dati e scegliendo un username ed una password come tanti altri servizi della rete e caricare, sul proprio conto personale (relativo al servizio), attraverso paypal o carta di credito dei fondi. Ad esempio, volete mandare una lettera negli States? la scrivete selezionando l'apposito menu, inserite all'interno del form che vi si presenta il destinatario della lettera, il vostro indirizzo, e nel passaggio successivo selezionate il servizio postale da utilizzare (in questo caso quello americano) cliccate su invia... ed ecco qui che nel giro di 3-4 ore nei giorni feriali la vostra lettera partirà per la destinazione da voi scelta.
Servizio molto comodo per poter scrivere in tempi accettabili anche ai nostri connazionali detenuti oltre oceano. Siete invitati a darci ulteriori informazioni utili se ve ne fossero.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.