Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cos'è: la Rai-Idv? PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Iannone   
Mercoledì 16 Settembre 2009 13:17
 

Sul picchetto di Di Pietro come si schiereranno la magistratura e i partiti che si definiscono garanti della democrazia?

"Per la nostra passeggiata futurista nella sede di via Teulada ci sono stati addebitati 6
diversi capi di imputazione, compresa l'interruzione di pubblico servizio, quantunque gli studi fossero già vuoti da ore".
Così in una nota Gianluca Iannone, Presidente di Casapound Italia,  circa la presenza del presidio, organizzato dall'Italia dei Valori,  davanti alla sede RAI che ha costretto il Presidente del Consiglio ad entrare negli studi di Porta a Porta da un accesso secondario. "Aspettiamo con ansia di sapere se qualche magistrato libero pensi  che impedire al capo del Governo di accedere liberamente agli studi  della televisione di Stato costituisca interruzione di pubblico servizio.
Attendiamo con ansia la pubblica indignazione del PD, il quale, all'epoca  della nostra protesta, gridò al colpo di Stato. In caso contrario - conclude Iannone -  richiederemo a Di Pietro l'elenco di coloro che hanno il suo benestare all'ingresso in RAI,  così da poterlo fornire a tutti coloro che fossero interessati a non essere solo  abbonati di prima fila"
www.casapound.org
per info
Gianluca Iannone 340.0543501
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.