Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Popoli in lotta PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Domenica 08 Novembre 2009 23:09

Il volontariato internazionale arte marziale per una filosofia guerriera

Riuscitissima la quattro giorni dei Popoli in lotta al Circolo Futurista di Casalbertone.
I popoli in lotta per la propria sopravvivenza e la propria identità che hanno aderito alla festa: Karen, Tibetani, Palestinesi e Somali.
Rappresentanze ufficiali dirette o per delega sono state espresse dal principe Abucar e dal presidente del parlamento Mohamed Umar Dalha per la Somalia,  Francesca Santi per la Palestina,  Riccardo Oliva (Memento Naturae), Maria Vittoria Cattania (Laogai foundation),  Yaakar Gelek per il Tibet e Nerdah Mya per i Karen.
Il volontariato a sostegno delle lotte per la sopravvivenza e l'indipendenza di popoli minacciati di genocidio per gli organizzatori è intesa anche in un'ottica geopolitica incentrata sul risveglio europeo e sulla realizzazione di un terzo polo internazionale che ci consenta di non cedere alla forbice dell'alleanza imperialistica Usa-Cina.
Un volontariato che va inteso come un modo disarmato di combattere, un po' come furono le arti marziali per i Samurai dopo l'editto che tolse loro le armi.
Al Circolo Futurista i monaci tibetani hanno regalato un Mandala realizzato durante la festa.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.