Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Meno male che ce state voi PDF Stampa E-mail
Scritto da Casa Pound Italia   
Martedì 02 Febbraio 2010 13:46

Botta e risposta di Iannone a Rinaldini, segretario della Fiom in affanno

 

''Meno male che ci sono la Fiom e il suo segretario Gianni Rinaldini a tutelare i lavoratori
italiani del Lingotto. Con il loro fondamentale apporto la Fiat è ad oggi un'azienda fondamentale
per l'occupazione di molti paesi nel mondo ad esclusione dell'Italia".
Lo afferma Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia replicando a Gianni Rinaldini,
segretario generale della Fiom, che ha bollato come “propagandistica” l’azione del movimento
guidato da Gianluca Iannone che nella notte ha simbolicamente posto i sigilli ai punti
vendita Fiat in 40 città italiane.
"Grazie comunque alle dichiarazioni di Rinaldini - conclude Iannone - tutti capiscono quanta
importanza hanno i lavoratori per la Fiom e la Cgil. Tutti oggi sanno quali intrecci ed inciuci
ci sono sulla testa delle migliaia di lavoratori Fiat a rischio occupazione''.

Queste le parole di Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom raccolte dall'ansa
'E' chiaro che si tratta di una iniziativa volta esclusivamente a farsi propaganda. Non c'entra
niente con le lotte dei lavoratori Fiat. Casapound cerca solo di farsi pubblicità. Confondono le
acque, le loro finalità sono lontanissime da quelle dei lavoratori''. Così, a CNRmedia il segretario
generale della Fiom, Gianni Rinaldini, ha commentato il boicottaggio delle concessionarie Fiat
operato da Casapound, che nella notte hanno posto i sigilli ai punti vendita del Lingotto in 40
città italiane” (Roma nella foto).
Povero Rinaldini, a conti fatti ci fa un po' pena però.  Farsi scavalcare così dai fascisti, brutto
scherzo di carnevale!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Febbraio 2010 13:48
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.