Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Chi cerca la titina PDF Stampa E-mail
Scritto da agenzie stampa   
Venerdì 12 Febbraio 2010 07:10


I ragazzi di Casa Pound hanno presidiato Prima Porta dall'insulto dei nostalgici partigiani

Un centinaio di militanti di CasaPound Italia hanno tenuto lunedì pomeriggio un presidio silenzioso davanti al cimitero di Prima Porta a Roma per ricordare i 15.000 italiani infoibati dal regime titino e i 350.000 esuli istriani, giuliani e dalmati. La scelta del luogo non è stata casuale. Come già era
avvenuto il 10 febbraio dello scorso anno, infatti, la sinistra antagonista aveva annunciato di voler rendere omaggio alla tomba dei partigiani jugoslavi presente a Prima Porta proprio nella giornata
nazionale dedicata alla memoria della tragedia italiana vissuta dalle popolazioni di Istria, Fiume e Dalmazia.
''Per fortuna pare che in Italia i nostalgici di Tito non siano più di una quindicina – sottolinea Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia - visto che non sono stati più di tanti i partecipanti a una manifestazione che pure era stata annunciata con grande anticipo. Un gesto inutilmente provocatorio, che dimostra l'isolamento di chi si ostina ancora oggi a preferire l'ideologia più vetusta al rispetto per i propri connazionali trucidati. Un gesto che non paga in termini politici, e che non paga neanche in termini di dignità, quando ci si riduce a dover entrare e uscire di soppiatto da
un'entrata secondaria, sotto scorta della polizia''.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.