Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non tutte le reazioni fanno vomitare PDF Stampa E-mail
Scritto da ilprimatonazionale.it   
Mercoledì 25 Novembre 2015 00:08


Anche se l'ingenuità di questa è terribile quest'istinto lascia molto sperare

 

 

Non solo “Imagine” di John Lennon, non solo hashtag ipocriti. Esiste una reazione “sana” agli attacchi terroristici di Parigi: è quella dei giovani francesi che chiedono di arruolarsi nell’esercito. Dalle centotrenta richieste al giorno del 2014 si è passati alle attuali millecinquecento. Un vero e proprio “boom” registrato dall’Armée Francaise. “Si tratta di un fenomeno senza precedenti, sono davvero sorpreso” ha dichiarato il colonnello Eric de Lapresle, capo dell’ufficio reclutamento dell’esercito.
Oltre al “richiamo della patria” in un momento di difficoltà, una delle motivazioni è da ricercare anche nella scelta di Hollande di rivedere i tagli previsti al personale militare, fatto che porterà a circa trentamila nuove unità da qui al 2016. L’esercito francese l’anno scorso contava centoquindicimila uomini, di cui tremila solo in Africa.
Quest’anno le candidature totali arriveranno ad un numero di circa centosessantamila, contro le centoventimila del 2014. Tuttavia i test di ammissione nell’esercito non sono facili da superare, meno di un terzo infatti riuscirà a coronare il “sogno” di diventare un soldato. In ogni caso, in quest’Europa molle e ipocrita, questa nuova ondata di patriottismo non può che essere salutata come un bel segnale.
 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.