Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un fatto di Ego PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Venerdì 09 Marzo 2018 00:09


Il futuro della ricerca sulle onde gravitazionali parla italiano

E' partita la corsa per il futuro della ricerca sulle onde gravitazionali e l'Italia si è già proposta per ospitare il nuovo rivelatore, chiamato Einstein Telescope. Ne parla un seminario online organizzato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, è Giovanni Losurdo, dell'Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e coordinatore del progetto Advanced Virgo, la versione potenziata del rivelatore di onde gravitazionali che si trova a Cascina (Pisa) e che fa capo all'Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego).
Il seminario, trasmesso sul canale ANSA Scienza e Tecnica, è organizzato nell'ambito dei Colloqui della classe di Scienze. Losurdo fa il punto sui nuovi strumenti per studiare le onde gravitazionali e ripercorre la storia di questo nuovo modo di osservare l'universo suggerito anche grazie al contributo determinante dell'italiano Adalberto Giazotto, il 'papà' del rivelatore Virgo. Grazie e Virgo e al rivelatore americano Ligo, "stiamo vivendo un'epoca molto simile a quella in cui Galileo puntò il cannocchiale verso il cielo".
Guardando al futuro, è cominciata la corsa al rivelatore di terza generazione, che la regione Sardegna si è candidata ad ospitare con il sostegno del ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca. "La corsa è partita - osserva Losurdo - e il nuovo rivelatore è in programma per il 2030, ma l'esperienza precedente ci dice che per realizzare progetti simili bisogna partire circa 15 anni prima.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.