Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Arsenico e nuovi merletti PDF Stampa E-mail
Scritto da rimedinaturali.blogspot.it   
Martedì 24 Aprile 2018 00:08


Muschio miracoloso

I ricercatori dell’Università di Stoccolma hanno scoperto un muschio capace di eliminare l’80% dell’arsenico dalle acque contaminate in appena un’ora, rendendo l’acqua nuovamente potabile. Il muschio acquatico capace di questo “miracolo” si chiama Warnstofia fluitans e cresce nel nord della Svezia. La scoperta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti“, apre la strada a una modalità amica dell’ambiente per purificare l’acqua.
Nella parte settentrionale della Svezia, l’acqua delle zone minerarie è spesso contaminata dall’arsenico. “Ci auguriamo che il sistema di zone umide di impianto che stiamo sviluppando risolverà il problema dell’arsenico nelle aree minerarie settentrionali della Svezia“, afferma Maria Greger, professore associato presso il Dipartimento di ecologia, ambiente e scienze delle piante dell’Università di Stoccolma e leader della ricerca gruppo.
“I nostri esperimenti dimostrano che il muschio ha una capacità molto elevata di rimuovere l’arsenico e che non ci vuole più di un’ora per rimuovere l’80% dell’arsenico da un contenitore di acqua. A quel punto, l’acqua ha raggiunto un livello così basso di arsenico che non è più dannoso per le persone“, dice l’assistente alla ricerca Arifin Sandhi, che ha condotto gli esperimenti.
Nel 2004, l’uso di composti di arsenico nei prodotti di legno è stato vietato, ma l’arsenico raggiunge ancora i sistemi di terra e acqua a causa delle attività estrattive. Ciò accade perché il terreno e il substrato roccioso in alcune parti della Svezia contengono naturalmente arsenico. Di conseguenza, l’acqua potabile e l’acqua utilizzate per l’irrigazione delle colture contengono anche elevati livelli di arsenico. Le piante assorbono l’arsenico dal terreno e alla fine finisce nel cibo che mangiamo. In Svezia, questo vale per il grano, gli ortaggi a radice, le verdure a foglia verde, eccetera. In altri paesi, ad esempio, vi sono livelli elevati di riso.
“Quanto l’arsenico che consumiamo dipende in ultima analisi dalla quantità di questi alimenti che mangiamo, nonché da come e dove sono stati coltivati. Il nostro obiettivo è che il sistema di zone umide che stiamo sviluppando eliminerà l’arsenico prima che l’acqua diventi potabile acqua e acqua di irrigazione, in questo modo l’arsenico non entrerà nel nostro cibo”, afferma Maria Greger. Un possibile scenario futuro sarebbe quello di far crescere questo muschio in torrenti e altri corsi d’acqua che contengono alti livelli dell’inquinante. I risultati delle sperimentazioni sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Environmental Pollution.



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.