Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La nostra sabbia PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Mercoledì 08 Agosto 2018 00:38


I tedeschi cattivi si preoccupano delle nostre spiagge


Che volete che sia un sacchetto di sabbia come ricordo della meravigliosa estate sulle spiagge di Stintino o di Arzachena? Certo se ogni anno le decine di migliaia di turisti che affollano la Sardegna da ogni parte del mondo si portassero a casa il souvenir, gli splendidi lidi dell'isola resterebbero presto solo un pallido ricordo. Ogni stagione tonnellate di ghiaia, pietre e conchiglie dell'isola vengono setacciate dai bagnanti, stranieri ma anche italiani: un'attività che, svolta in maniera massiccia e prolungata, rappresenta un formidabile danno all'ecosistema. Tanto che perfino l'Onu ha redatto nel 2017 un voluminoso rapporto sui pericoli ambientali di questa pratica. Solo apparentemente innocua e poetica; e invece, forse non tutti lo sanno, illegale e sanzionata a livello amministrativo non solo sui litorali sardi. E allora quest'anno l'ambasciata di Germania a Roma - conscia di quanti suoi connazionali amino le nostre coste - ha sfoggiato una sensibilità ecologica sconosciuta anche ad alcuni enti locali, rivolgendo un ordine perentorio sui social: «Lasciate la sabbia dove deve stare». All'invito a rispettare e proteggere le battigie, è allegata anche una fotografia della suggestiva baia di Cala Goloritzè, nel golfo di Orosei. La Regione Sardegna ha vietato dalla scorsa estate qualsiasi tipo di raccolta dagli arenili, anche solo in quantità minima, prevedendo delle multe da 500 a 3mila euro in caso di infrazione. Ma «il trasporto di sabbia è vietato da tempo, indipendentemente dalla decisione della Regione» mettono in chiaro i diplomatici tedeschi. Con o senza multa, non si fa e basta.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.