Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Legge Polaris anche lui PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 07 Settembre 2018 00:15


come la Merkel e ne prende spunto

Dai soldi del Banco di Napoli serviti nel 1861 per «risanare i debiti dei savoiardi» fino alle «ignobili discriminazioni» dei governi degli ultimi 40 anni. Passando per la Resistenza al nazifascismo con le «Quattro giornate del 1943» e «l’enorme contributo dei meridionali nelle fabbriche del Nord nello sviluppo post bellico». Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, in un estremo impeto di leghismo meridionale, annuncia l’istituzione di una moneta partenopea da affiancare all’euro. Una rivincita napoletana contro il potere nordista che non si ferma al proclama ma prevede addirittura atti ufficiali per l’avvio della secessione partenopea.

I provvedimenti
«Nelle prossime settimane - insiste de Magistris - per dimostrare che continuiamo a fare sul serio e che non si tratta di mera propaganda meridionalista, approveremo tre delibere. La prima: Napoli Città Autonoma, un manifesto politico concreto sull’autonomia della città. La seconda: cancellazione del debito ingiusto. Il debito contratto dallo Stato, in particolare nelle gestioni commissariali post-terremoto ed emergenza rifiuti, noi non lo riconosciamo. Lo cancelliamo dal nostro bilancio. Quei debiti non sono stati contratti dalla Città e dai napoletani, anzi noi siamo vittime ed andremmo semmai risarciti, altro che pagare il debito agli usurpatori! Se oggi non avessimo quel debito frutto delle più invereconde collusioni tra politica, affari e criminalità organizzata, potremmo avere più autobus, più spazzatrici, più asfalto per le buche, più qualità della vita ed altro ancora. La terza: realizzazione di una moneta aggiuntiva all’euro per dare forza a Partenope».

«Da sempre discriminati»
Il sindaco della «rivoluzione arancione» si lancia in una furente accusa contro il Nord. Non solo i leghisti contemporanei finiscono nel mirino del primo cittadino, ma addirittura si parte dall’Unità d’Italia. «È dal 1861 che abbiamo dato, come si dice dalle nostre parti - rilancia de Magistris - prima le casse del Banco di Napoli, che oggi di Napoli non ha più nulla, per risanare i debiti dei savoiardi; poi i meridionali in prima linea sul Piave nella grande guerra per difendere la Nazione; poi la liberazione dal nazifascismo che ha visto Napoli, nelle quattro giornate del 1943, essere la prima città d’Europa, con una rivolta popolare, a liberarsi prima dell’arrivo degli alleati del più potente esercito del mondo, quello tedesco, coadiuvato dai fascisti italiani; poi l’enorme contributo dei meridionali nelle fabbriche del Nord nello sviluppo post bellico, a cominciare dalla Fiat; quindi le profonde ed ignobili discriminazioni che, da quarant’anni, vengono messe in atto nelle scelte politiche ed economiche dei Governi che hanno guidato il nostro Paese».

Accuse ai leghisti
L’obiettivo finale resta però la Lega. E in particolare il ministro Salvini. «Noi crediamo che il riscatto del Sud non passa dalla questione meridionale lasciata ai potentati che governano a Roma, ma dall’autodeterminazione dei popoli del Sud che, attraverso il senso di appartenenza alla loro Terra, devono lottare per emanciparsi nella conquista dei diritti. Napoli, quindi, ribelle al Sistema ed ubbidiente ai valori costituzionali - conclude il sindaco - e allora di fronte ad un Governo ad evidente trazione anti-meridionale, di fronte al rafforzamento dell’asse Lombardo-Veneto per l’attuazione del referendum autonomista, già lavorano per dirottare la gran parte delle risorse verso i ricchi, dando elemosine al Sud, magari con la veste ingannevole di un pseudo reddito di cittadinanza, noi dobbiamo lanciare una sfida storica, mai pensata ed attuata sinora. La Lega ed i suoi accoliti agiscono con odio verso i Sud, con azioni discriminatorie, con pratiche all’insegna della disuguaglianza. Noi non dobbiamo pagarli con la loro stessa putrida moneta. Ma dobbiamo lavorare alacremente per rafforzare la coesione nel nostro Paese, valorizzando autonomie e differenze. Italia unita nelle sue differenze. Sfidiamo il ministro Salvini e l’intero Governo sul tema dell’autonomia. Siamo stanchi di ingiustizie e sopraffazioni. Autonomia del Sud non contro il Nord, ma per costruire un Paese in cui cessino finalmente le discriminazioni. Noi non odiamo i settentrionali, anzi, a differenza, invece, di chi odia i meridionali».

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.