Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Astrobarca PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Domenica 30 Settembre 2018 00:41


Siamo infine nel Duemila

Motore elettrico ibrido e ali pieghevoli, dal 2019 arriva sul mercato Usa Transition, la prima macchina che vola. E' prodotta da Terrafugia, società fondata nel 2006 da alcuni ricercatori del Mit di Boston e poi venduta ad una holding cinese proprietaria anche di Volvo.
L'auto a due posti ha un'autonomia di volo di 600 km, vola ad un'altezza massima di tremila metri e ad una velocità di 160 Km orari. E' un'auto a tutti gli effetti ma per guidarla e farla decollare c'è bisogno di un patentino da pilota.
Decollo e atterraggio potranno avvenire solo in aree apposite come aeroporti ma anche proprietà private. Transition è stata fondata da ingegneri del Mit specializzati in aeronautica e astronautica, poi è stata acquistata quasi un anno fa dal gruppo cinese Zhejiang Geely, una holding che possiede anche le società automobilistiche europee Volvo e Lotus. Al momento il costo dell'auto che decolla non è stato ancora ufficializzato, ad ottobre partono i preordini.
Ci sono altre sperimentazioni di auto che volano, ad esempio a Dubai, e Uber ha presentato un progetto per un servizio di taxi volanti che dovrebbe partire in concomitanza con le Olimpiadi di Los Angeles del 2020.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.