Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Buon segno PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 05 Dicembre 2018 00:57


Il lupo si riprende l'Italia

La presenza del lupo in Italia è aumentata: ha recuperato parte della sua popolazione negli ultimi 40 anni, riuscendo a occupare tutto l'Appennino e raggiungendo sia le Alpi occidentali che quelle centro-orientali, con una presenza diffusa su un quarto del nostro Paese. E' quanto emerge dal convegno 'Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo', organizzato dall'Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale (Ispra) a Roma.
Dal 2006 al 2012 - viene spiegato - "la popolazione di lupo occupava il 18,04% del territorio nazionale; dati preliminari relativi al periodo 2012-2018 indicano che la proporzione è cresciuta al 23,02%. Il declino è proseguito fino agli anni '70", poi è cresciuta negli ultimi 40 anni. Da un recente campionamento viene riportato che nelle Alpi sono presenti "47 branchi, 6 coppie e 1 individuo solitario e un numero minimo di 293 individui" (dati progetto 'Wolfalps'). Per il resto del territorio esistono due stime che però hanno "un elevato grado di incertezza. La prima, a scala nazionale, riporta 1580 animali; la seconda, un valore complessivo per il territorio italiano compreso tra un minimo di 1269 individui ed un massimo di 1800".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.