Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Anticristo PDF Stampa E-mail
Scritto da ilgiornale.it   
Mercoledì 12 Dicembre 2018 00:46


Visto da Enrico Ruggeri

Un'entità, un gruppo di persone, i poteri forti. Il cantante lo dice a chiare lettere che per loro "L'Anticristo" è "un protocollo comportamentale", ovvero "una decina o quindicina di persone che si trova da qualche parte e decide chi sarà il presidente degli Stati Uniti, il cancelliere della Germania, quando scoppierà la prossima bolla finanziaria, quando inizierà il nuovo flusso migratorio".
Per il cantante, che oggi si racconta in una lunga intervista a La Verità, "sono i veri potenti che indirizzano le sorti del mondo. Il loro primo obiettivo è l'abbassamento della consapevolezza della gente". Un appiattimento che si riproduce anche nel mondo della musica, dove tutto è "standardizzato" ed è stata eliminata "la forza dirompente" dell'arte. Un imbarbarimento fatto di influencer, tweet, like, internet. Ma chi sono questi 15 potenti burattinai del mondo? "Secondo me non sono famosi - spiega Ruggeri - vivono in maniera monacale. Il loro interesse è modificare gli assetti mondiali".
L'intervista di Ruggeri sembra un inno alla lotta contro il conformismo e il "politicamente corretto" portato avanti da una parte "minoritaria" ma potente di individui. "Un altro degli obiettivi dei poteri forti è annullare le identità - spiega il cantante - Creare un magma nel quale tutti consumino le stesse cose. Oggi un centro commerciale di Singapore è uguale a uno di Roma. Ogni difesa della tradizione è un ostacolo sulla strada dell' omologazione perché tradizione vuol dire identità. Perciò va abbattuta". Anche il presepe, che come ogni Natale torna al centro del dibattito pubblico tra scuole che vogliono toglierlo "rispetto delle altre religioni".
Sul governo gialloverde, Ruggeri non si sbilancia perché "se sei mesi sono pochi per giudicare", anche se ne critica la "eccessiva spettacolarizzazione delle loro azioni". Alla fine, lo analizza così: "Penso che siano stati più bravi a intercettare le istanze della gente, avvicinandosi a chi è in difficoltà. In tutta Europa si sta verificando un cambiamento epocale: i poveri votano a destra e i ricchi votano a sinistra. Questo dieci anni fa era impensabile ed è un fatto positivo. Aggiungerei che chi è al governo ha contro i poteri forti e perciò fa la corsa in salita.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.