Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Si faccia infine luce sugli stragisti! PDF Stampa E-mail
Scritto da gabriele Adinolfi & Roberto Fiore   
Venerdì 02 Agosto 2019 01:31


Comunicato stampa

 

A 39 anni dalla strage di Bologna possiamo sperare in un giro di boa che inchiodi alle loro responsabilità, mandanti e autori insieme a coloro che hanno più volte  depistato.
Noi, vittime acclarate di depistaggi ripetuti, lo auspichiamo con forza.

Quel che sostenemmo nella conferenza del 29 gennaio al Flyon Hotel di Bologna, e cioè che il massacro è ascrivibile alla Internazionale Neotrotzkista del terrore, viene confermato dalla perizia tecnica sull'esplosivo del 27 giugno.
I meccanismi sono infatti i medesimi impiegati in altri attentati dalla stessa internazionale. Questo si aggiunge alle presenze di terroristi tedeschi legati ai servizi della Germania comunista e non solo, segnalate quella mattina a Bologna e che gli apparati si sono sforzati di nascondere per decenni.
Non ci si deve fermare però lì. Le complicità tra diverse strutture formatesi durante la seconda guerra mondiale, che hanno continuato a lavorare mano nella mano, vanno smascherate. Non ci si limiti a fare luce al pian terreno!
Tra l'altro le ultime scoperte sulla strage di Capaci sembrano confermare quelle complicità, istituzionali, nazionali e internazionali,  che in quei giorni decapitarono uomini che avevano capito e non flettevano di fronte al volto mostruoso della verità.
Sarebbe il caso di riaprire alcuni processi, come quello per l'assassinio di Piersanti Mattarella, rivedendolo alla luce del trio  Stato Cia Mafia domandando all'ancor vivo Virginio Rognoni, allora Ministro dell'Interno, le ragioni per le quali la vittima, di ritorno da un incontro con lui, aveva confidato alla propria segretaria di essere stato condannato a morte da uomini che siedevano a Roma  (tutta la testimonianza è presente nel processo )

Noi abbiamo dato vita ad un'inchiesta giuridica internazionale sul processo di Bologna ma riteniamo che non ci si debba fermare lì.
La conferenza che abbiamo in cantiere per fine settembre dal titolo Stragi e Potere integrerà elementi finora sconosciuti ma importanti nella soluzione dei quesiti più scabrosi. Presto sapremo chi e perché  destabilizzo' l'Italia, presto assisteremo alla fine della più grande eclissi di verità e giustizia dei tempi recenti.

Gabriele Adinolfi

Roberto Fiore


Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Agosto 2019 07:09
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.