Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Bella ciaone PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Mercoledì 13 Settembre 2017 00:46


Suona suona Carmagnola

Cantare Bella Ciao alla Fiera Nazionale del Peperone? Assolutamente inopportuno. Almeno per alcuni esponenti dell’amministrazione di centrodestra. La polemica è iniziata lo scorso 2 settembre, quando i Kakchupa, gruppo che ha partecipato all’ultimo Concertone del Primo maggio a Roma, ha inserito la canzone simbolo della Resistenza fra i bis. Da palazzo civico sarebbe partita una telefonata di «rimprovero», ma querelle non si è fermata. Ieri sera, domenica 10 settembre, i ragazzi del Coro Moro avrebbero dovuto esibirsi in piazza Sant’Agostino, ma il concerto è stato cancellato. Secondo la ricostruzione della band avrebbero ricevuto dal vice sindaco di Carmagnola la richiesta esplicita di non cantare Bella Ciao, da sempre nel loro repertorio. 
«L’ultima volta abbiamo chiamato l’amministrazione alle 18 e ci hanno confermato il divieto, allora abbiamo deciso di non andare a cantare, forse questa canzone fa ancora paura» – dice Luca Baraldo, uno degli ispiratori del CoroMoro e oggi coordinatore del progetto. Il rifiuto di salire sul palco è stato condiviso all’unanimità da tutti i ragazzi (oggi il CoroMoro è composto da sette componenti di colore e da tre italiani) che hanno deciso pure di rifiutare i 600 euro di cachet. «Ci avrebbero pagato ugualmente, l’importante è che non uscisse la notizia» - evidenzia ancora Baraldo. Tra l’altro con il vice sindaco di Carmagnola ha anche parlato il senegalese Aliou Sabaly, spiegando che i ragazzi conoscono bene il significato della canzone. 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.