Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Quant'è profondo il mare PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 25 Settembre 2017 00:15


E che nascondono i suoi abissi?

Leggenda o realtà ancora da scoprire? A Nunavut, in Canada, ormai da alcuni mesi sempre più persone testimoniano di aver sentito un suono misterioso risalire dal fondo del mare. Un rumore descritto come un «ping, hum e beep», diventato così allarmante da aver convinto i militari canadesi ad aprire un fascicolo in merito. 
I primi a descrivere lo strano fenomeno sono stati i pescatori Inuit, che vedono nel rumore la causa della mancanza di fauna marina, principale fonte di sostentamento della loro comunità. E in attesa che le indagini portino ad una soluzione del caso, si rincorrono le spiegazioni più assurde.
C'è chi addita la società mineraria Baffiland di ricerche segrete con i sonar sul fondo del mare. Chi accusa Greenpeace per aver installato dei dispositivi sottomarini per far fuggire gli animali e salvarli dalla caccia. E chi pure pensa che la sia la Marina degli Stati Uniti a utilizzare sonar a bassa frequenza per individuare sottomarini nemici. Accuse prive di ogni fondamento, rimandate tutte al mittente.
Inutile dire che c'è anche chi ipotizza che i suoni siano prodotti da una misteriosa creatura marina che si sta risvegliando dal fondo degli abissi. Un affamato mostro rimasto a lungo congelato nello stretto di Fury and Hecla: una leggenda che si tramanda dalla notte dei tempi, che potrebbe regalare alla zona la stessa aura di mistero del lago di Loch Ness.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.