Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Note
Pupo: sono pronto a tenere concerto per popolo iracheno PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Sabato 24 Aprile 2004 01:00

Lo ha dichiarato il cantante toscano nel corso di un'intervista ad Al Jazeera, ospite a sorpresa della conferenza stampa con la quale Pupo ha presentato il suo nuovo disco "L'equibrista".

"Sono pronto a tenere un concerto in Iraq - ha detto il cantante a Imad Al Antrash, lo stesso inviato che ha visto il video dell'uccisione di Fabrizio Quattrocchi - ma non voglio fare uno spettacolo per le truppe italiane, piuttosto un vero e proprio concerto per la gente dell' Iraq mi auguro che i soldati italiani tornino a casa il più presto possibile e che gli iracheni si trovino quanto prima nelle condizioni di poter assistere a un concerto, magari il mio, che sarebbe così un'occasione per far conoscere la musica italiana".

 
Musica non Conforme: Casette o Castelli? PDF Stampa E-mail
Scritto da Perimetro.com   
Sabato 17 Aprile 2004 01:00

Rupe Tarpea Produzioni

Nulla di Nuovo sotto il Sole - si dice, ed è una frase con cui si sottintende che le apparenze e le modalità della rappresentazione non ci debbono ingannare: esse potranno pure variare ma la sostanza del processo è là, immutabile. Dunque ogni tempo ha le sue regole e le sue modalità, ma queste appartengono prettamente al dominio della manifestazione e della forma. Ed è indubbio che in questi ultimi anni ciò che sta divenendo dominante è il segno, nelle sue molteplici forme, da quelle effimere del messaggio radiotelevisivo, ad un riemergere confuso della necessità dei simboli, quasi un bisogno ancestrale di tornare ad una origine archetipica. In tutto questo il dominio di ciò che è impatto estetico della rappresentazione ha totalmente debordato, arrivando a permeare ogni aspetto dell'esistenza umana, tanto quasi da non accorgersi di essere invasi in ogni frangente da un bombardamento continuo di suoni, immagini, segni, impulsi elettronici, che hanno l'effetto di stordire, deviare, stancare. Se dovessimo considerare questa saturazione come una sorta di scorza dura che ci allontana sempre di più dalla nostra vera essenza certo non andremmo molto lontano dalla realtà… tuttavia questa è la nostra condizione, lo scenario in cui ci muoviamo e rispetto al quale ci dobbiamo relazionare…
... e su cui in definitiva -salvo un comprensibile desiderio di ritirarsi dal mondo- siamo chiamati ad agire. Lo scenario delle nostre esistenze è dunque quello del mondo della rappresentazione, della società dell'immagine e dell'infinito flusso informativo: tecnicamente possiamo astrarci da esso oppure accettarne il confronto, confronto in cui va in ogni caso sempre presupposta una lotta personale "per la ricerca di senso"…

Se quindi è vero che l'immagine, il look, l'effetto, l'apparenza, la sensazione hanno assunto un ruolo dominante rispetto alla sostanza, e se è al ri-erompere della sostanza nel mondo delle apparenze che miriamo, una chiave di azione decisiva può senza meno essere l'arte. Arte in quanto linguaggio, elemento di riconnessione tra sostanza ideale e realtà, dove sta a noi COSA dire ed il COME dirlo.

Se perciò mi si chiedesse personalmente quale sia lo "scopo sociale" dell'arte, risponderei che oltre ad essere un balsamo per lo spirito, occasione di divertimento e quant'altro a livello personale, essa certamente può e deve avere lo scopo di educare, di indirizzare, di creare percorsi di re-integrazione, di generare linguaggi capaci di ridisegnare l'esistente e di correggere il gusto del "pubblico". Per di più l'arte per sua natura è potenzialmente anticipatrice di fenomeni di mutazione più vasti, e non è affatto un caso che spesso ai cambiamenti politici siano stati preceduti da movimenti artistici. In questi casi l'arte ha saputo essere avanguardia, ha saputo cogliere il momento o meglio prevenire i tempi, intuire la mutazione se non talora darle forma e corpo.

L'arte - seppur da tempo impoverita e ridotta quasi a merce - ha a ben vedere scopi tuttora alti, nascosti dal gran rutilare dei suoni e delle immagini usa e getta, dalla sua smaterializzazione in impulsi elettronici sempre più incalcolabilmente veloci. Ma è tutto li: la capacità mitopoietica di creare riferimenti ideali, la funzione etica di indirizzo, il ruolo di termometro dei tempi, la capacità di generare segni e diffondere segnali ne rimangono il connotato fondamentale…

Arte PUO' dunque essere concetto-forza, e l'artista, superando la tentazione solipsistica dell'individualismo fine a se stesso può divenire la voce di una comunità, di un movimento, di un sentire diffuso.

Finora abbiamo parlato astrattamente di "arte" ma tale concetto va senz'altro inteso nel suo senso più ampio, trovando poi nella prassi della realizzazione la giusta gerarchia dei pesi. Indubbiamente c'è arte e arte, ma sicuramente giova avere una visione estensiva del concetto.

Come esempio particolare del senso che può avere in prospettiva una specifica f
 
Vecchioni, non cantero' 'Marika' per molto tempo PDF Stampa E-mail
Scritto da AdnKronos   
Giovedì 15 Aprile 2004 01:00

Il cantante a 'Batti e Ribatti'

Roma, 26 mar. - (Adnkronos) - ''Io ho il diritto di scrivere la canzone 'Marika', gli altri hanno il diritto di non ascoltarla. La mia piccola liberta' la metto al servizio della liberta' degli altri''. Cosi' Roberto Vecchioni risponde a Pierluigi Battista, nel programma ''Batti e ribatti'', in onda questa sera alle 20.30 su RaiUno a proposito della polemica nata sul suo brano dedicato a una donna kamikaze, che il cantautore ha deciso di non eseguire nella sua tournee.

''Alla base della decisione -spiega Vecchioni- c'e' un conflitto tra etica e passione. La mia passione e' inferiore all'etica comune. Io ho il diritto di scrivere questa canzone ma gli altri hanno il diritto di non ascoltarla. Quindi io la mia piccola liberta' la metto al servizio della liberta' degli altri. Forse non rimettero' Marika per molto tempo in concerto'', dice il cantante. E quando Battista gli ricorda che ''i giovani ebrei della comunita' milanese hanno detto che a Gerusalemme e' Madrid tutti i giorni'', Vecchioni risponde: ''Ho parlato con i giovani ebrei milanesi e ho rispettato la loro opinione. Anche se mi permetto, visto che rispetto
le opinioni degli altri, che sono leggermente diverse i due tipi di bombe. Gli effetti sono ugualmente tremendi, ma cambia l'origine''.

 
Anche nella scultura tutto è chiaro PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Martedì 30 Novembre 1999 01:00

alt
Dopo l'antichità c'è solo il fascismo

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 131 132 133 134 135 136 137 138 139 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.