Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Terra degli Avi PDF Stampa E-mail
Scritto da Pino Tosca   
Giovedì 02 Dicembre 2004 01:00

Il 1° agosto 1927, in tutte le edicole di Romania usciva il primo numero di una rivista quindicinale dalla testata strana e affascinante, Pamantul Stamoscesc, La Terra degli Avi.

Il 1° agosto 1927, in tutte le edicole di Romania usciva il primo numero di una rivista quindicinale dalla testata strana e affascinante, Pamantul Stamoscesc, La Terra degli Avi. Questa pubblicazione rivendicava di essere “Organ al Legiunarii Archanghelul Michal”, “Organo della Legione dell’Arcangelo Michele”. Era il primo tentativo editoriale di Corneliu Codreanu, il capitano che, col suo esempio di vita e di lotta, ha affascinato diverse generazioni di tutta l’Europa.

Se mi dovessero chiedere “secondo te chi era Codreanu?” non avrei dubbi sulla risposta. Un Santo, era un Santo. Sì, potrei anche rispondere: un eroe, un condottiero, un martire. Ma sarebbero tutte definizioni troppo riduttive e schematiche, Codreanu è uno dei tantissimi santi non canonizzati dalla Chiesa e, forse, destinati a rimanere tali. Ma per me, cattolico romano, lui, Corneliu, cristiano ortodosso, santo lo era davvero. Anche se non aveva fatto i famosi tre miracoli (due da vivo e uno da morto), previsti dalla Congregazione, lui santo lo era lo stesso. Nonostante che molti ex-fascisti paganoidi o "nazional-bolscevichi" abbiano fatto tutte le possibili acrobazie alchemiche per tramutarlo in musulmano, in neo-pagano dell'antica Dacia, in neo-cataro dell'Est Europa. Operazioni di confusionarismo illimitato, destinate al registro nazionale del Ridicolo. Coma ha raccontato sua moglie lleana prima di morire alcuni anni or sono quando, dopo due anni dalla sua uccisione, furono dissotterrati i suoi resti, gettati in una fossa comune, questi furono ritrovati intatti, immacolati, ad eccezione del volto, su cui gli sgherri del Re Carol avevano versato acido solforico e calce viva. Sì, è vero: è questa una delle caratteristiche della santità. Ma sarebbe mortificante se, solo per un fatto "miracolistico", Codreanu divenisse il nostro primo e intramontabile punto di riferimento, dopo Gesù Cristo. Vi è di più, molto di più. Quest'anno, ricorrono i sessantanni da quando, il 29 novembre 1938, Corneliu Codreanu veniva strangolato, insieme con altri tredici legionari, da poliziotti di regime. Dissero poi che li avevano uccisi nel tentativo d’evasione. Una balla colossale di un copione (maldestro, oltre che criminale) di quella strategia poliziesca che, purtroppo, sarà riedito tante volte nella storia. L’ltalia stessa lo ha sperimentato nel 1943 alla pineta di Fregene (con Ettore Muti) e nei cosiddetti "anni di piombo" italiani (con le "strane" morti, di Giancarlo Esposti, Riccardo Minetti, Giorgio Vale e Nanni De Angelis). Ricordiamo Codreanu, quindi. Ma ricordiamolo non per la sua morte, non per il suo martirio, ma per la sua vita, per il suo esempio esistenziale, per ciò che ha insegnato a tanti giovani del dopoguerra, per come questa figura tragica ed eroica ha saputo cambiare il cuore di generazioni intere. Migliaia di ragazzi che avevano identificato nell'attivismo politico l'unico metodo di una sfida personale alla società borghese, prima o poi (a meno che non fossero deficienti o analfabeti) dovevano fare i conti con la sua apparizione sulla terra. Egli ci ha insegnato che la politica ha un senso solo in funzione di una metapolitica. Egli ci ha fatto capire che quello che chiamiamo attivismo politico o è pura testimonianza di una crociata o è tempo perso ed impiegato male. lon Motza, il capo legionario che morirà combattendo in Spagna, aveva scritto sul primo numero de La Terra degli Avi: Dall'Icona e dall' Altare siamo partiti...Noi non facciamo e non abbiamo fatto

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.