Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Asso dei cieli PDF Stampa E-mail
Scritto da E.Ratier – P.Parment   
Sabato 18 Dicembre 2004 01:00

Ventidue anni fa saliva al cielo, per l’ultima volta, Hans Ulrich Rudel, asso degli assi della guerra aerea. Aveva cercato di trarre in salvo Adolf Hitler e nel dopoguerra aveva rifiutato sdegnosamente la “denazificazione”

Il 18 dicembre 1982 moriva a Rosenheim Hans Ulrich Rudel, asso dell’aviazione tedesca. Nato nel 1916, fu il soldato più decorato della Seconda Guerra Mondiale, cavaliere della Croce di Ferro con Foglie di Quercia in oro, spade e diamanti.

Nel settembre 1941 affondava un incrociatore sovietico e una nave da combattimento.

Catturato dai sovietici nel marzo 1944, riusciva ad evadere. Nel febbraio 1945 veniva nuovamente abbattuto perdendo la gamba destra. Alla guida di un aereo a pedali speciali avrebbe distrutto ancora 26 carri armati.  Nell’aprile, insieme all’altra eroina dell’aria Anna Reich riusciva a forzare l’accerchiamento di Berlino per cercare di portare in salvo Adolf Hitler che rifiutava avendo scelto di cadere con la città.

Il bilancio bellico di Rudel: 2530 missioni, 532 carri armati come preda.

Riiutandosi di negare le proprie convinzioni nel dopoguerra Rudel sfuggiva la “denazificazione” esiliandosi volontariamente in Argentina prima di tornare in Germania dove avrebbe continuato a militare nelle file nazionaliste. Il giorno del suo funerale, rompendo i divieti, numerosi caccia tedeschi sorvoleranno la sua tomba.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.