Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ma quale Neanderthal! PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 04 Gennaio 2018 00:21


Millenni e milleni di civiltà

Un'enorme sfera di pietra nascosta sotto terra, in Bosnia. Nei boschi di Zavidovici è stata trovata quella che sembra essere una enorme palla di cannone: una roccia perfettamente tonda e levigata di 3,3 metri di diametro. Una scoperta su cui sono state fatte fantasiose ipotesi, diventata ora una attrazione turistica nonché un amuleto portafortuna.
E' stato stimato che la palla in pietra, sporgente da un terrapieno, possa pesare oltre 30 tonnellate. Si vede ad occhio nudo che è composta da un materiale roccioso decisamente differente da quello presente nei dintorni. E vista la colorazione, si ritiene che custodisca al suo interno un'alta concentrazione di ferro.
L'ipotesi maggiormente condivisa dalla comunità scientifica è che questa pietra sia opera di un fenomeno geologico chiamato «concrezione», ovvero l'aggregamento di sostanze minerali che può aver avuto origine 60 milioni di anni fa per motivi del tutto naturali. 
Ma a dare una versione completamente diversa è l'Indiana Jones bosniaco: secondo il discusso ricercatore Semir Osmanagic si tratterebbe infatti della più antica sfera di pietra creata dall’uomo e dimostrerebbe l’esistenza di un antica civiltà sconosciuta, dotata di una tecnologia avanzata, vissuta oltre 15 mila anni fa. 
Osmanagic ha anche detto che in quei boschi c'erano almeno altre ottanta sfere simili ma che sarebbero state tutte distrutte in quanto una leggenda medievale affermava che nascondessero al loro interno dell'oro.
Una fantasiosa spiegazione, per un fenomeno che si è manifestato in altre parti del mondo, dalle pietre dei Diquís del Costa Rica ai Moeraki Boulders della Nuova Zelanda, sino al Monte Gandeng che depone uova in pietra in Cina.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.