Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Egli camminava tra la gente PDF Stampa E-mail
Scritto da Rochus Misch   
Venerdì 20 Aprile 2018 00:24


Non aveva bisogno di auto blindate e di percorsi alternativi

da L’Ultimo - Il memoriale inedito della guardia del corpo di Hitler (1940-1945), Castelvecchi, pagg. 82-84

Di notte c’era sempre un camerata di guardia dietro l’entrata del personale, vale a dire la porta che si trovava in fondo al cortile a destra, quella che dava sulle cucine e sulla scala che saliva al piano. Lì c’era sempre solo un membro del commando. In poche parole, se qualcuno avesse avuto l’intenzione di uccidere Hitler nel suo letto, sarebbe potuto passare di là, chiedere alla guardia di contattare una persona che lavorava alla Cancelleria e di cui si era procurato il nome, aspettare che la sentinella staccasse il ricevitore, prima di neutralizzarlo con un gas o un manganello. Poi gli sarebbe bastato salire i ventidue gradini, aprire la porta dell’appartamento, che non era mai chiusa a chiave, e finire il lavoro direttamente nella camera da letto di Hitler, ad appena qualche metro di distanza. Non c’era altra sorveglianza nel corridoio. Nessuno era di guardia davanti all’appartamento privato del Führer. Solo una pattuglia, composta per la maggior parte del tempo da un unico poliziotto, circolava di tanto in tanto nella Wilhelmstrasse. Insomma, niente di che. Non verrà mai presa nessun’altra misura precauzionale. Praticamente fino alla fine del regime non verrà fatto nulla per rafforzare questo dispositivo di sicurezza. Bisognerà aspettare fino agli ultimi mesi perché un’unità dell’RSD, di pattuglia nei giardini della Cancelleria, venga rinforzata in numero. Ma niente di più.



Le rare uscite che ancora si permetteva, come quella all’Osteria Bavara, il suo ristorante preferito di Monaco, erano accompagnate generalmente da folti gruppi di curiosi venuti ad acclamarlo. Gli «anziani» mi avevano avvertito di fare molta attenzione durante quei bagni di folla. Nel caso in cui qualcuno si fosse avvicinato un po’ troppo all’automobile o alla persona del Führer, avrei dovuto tenerlo a distanza, provare a respingerlo, cercando però di agire in maniera delicata. Secondo loro, Hitler non sopportava che i membri della sua scorta agissero brutalmente con il suo pubblico.



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.