Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Paolo Ferrari ha riabbracciato suo fratello PDF Stampa E-mail
Scritto da Luciano Lanna   
Lunedì 07 Maggio 2018 00:56


Leopoldo, assassinato dai partigiani che lo annegarono

Addio a Paolo Ferrari, l’attore che è stato la voce italiana di Humprey Bogart e di David Niven, che negli ‘50 e ‘60 è stato una straordinario interprete dell’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht, e che è impresso nell’immaginario dei quaranta-cinquantenni per lo spot dei fustini Dash e per l’interpretazione di Archie Goodwin (l’assistente) negli sceneggiati Rai della serie “Nero Wolfe”. Aveva ottantanove anni. Qualche anno fa, intervistato da Repubblica, raccontava come da tempo viveva nella sua casa di Castelnovo, vicino a Lecco, ascoltando Beethoven e leggendo Rilke: “Qui ho tempo per ampollosamente guardarmi dentro, per guardarmi che succede e farmi qualche domanda…”. E confessava che in una vita lunga e luminosa, la sola ombra oscura è stata la morte del fratello, Leopoldo, che era stato fascista e morì annegato nel lago di Como: “Era il ‘45, eravamo sfollati. Una mattina mi salutò dicendo che doveva andare in un posto. Lo vidi allontanarsi con un uomo, non tornò più. Lo giustiziarono i partigiani. Per me fu uno shock. Dormii per cinque giorni consecutivi…”. Solo settant’anni dopo, il ricordo di quella tragedia familiare è potuto riemergere senza più rancori strumentalizzabili: “Mi piace ricordare - concludeva l’attore - che quando il padre di un suo amico gli aveva proposto  di fuggire per salvargli la vita, Leopoldo aveva risposto: ‘Questa divisa l’ho presa, l’ho portata, ho la coscienza pulita, non la tolgo e accada quel che deve accadere…”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.