Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Fedele Gudrun PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Martedì 03 Luglio 2018 01:50

È morta a 88 anni la figlia del gerarca nazista Heinrich Himmler. Il decesso risale al 24 maggio, ma la notizia si è saputa solo il 29 giugno, divulgata dai media tedeschi. La donna, Gudrun Burwitz (dal cognome del marito, lo scrittore e attivista del partito neonazista Npd, Wulf-Dieter Burwitz, sposato negli anni Sessanta), non prese mai le distanze dalla figura del padre. Per anni è stata di militante nazionalsocialista in prima persona. Era l’unica figlia di uno degli uomini più in vista del Terzo Reich, insieme a Joseph Goebbels e Martin Bormann.
Gudrun Burwitz nacque l’8 agosto del 1929, da Marga e Heinrich Himmler (il padre chiamava la moglie e lei «Mami e Puppi»). Per alcuni anni, fino al 1963, lavorò nei servizi segreti tedeschi come segretaria, secondo quanto ha raccontato uno storico alla Bild (e riportato anche dalla Bbc) Notizia quindi non verificata e che rischia di essere infondata. A quel tempo l’organizzazione era sotto il controllo di Reinhard Gehlen, ex comandante dell’intelligence militare tedesca che lasciò il Bundesnachrichtendienst (Bnd, il servizio di informazioni federale) nel 1968. È stata segnalata per essere un membro di spicco di Stille Hilfe (Aiuto silenzioso), un gruppo segreto noto per fornire supporto legale e finanziario agli ex membri delle SS (come raccontò in questo reportage Paolo Valentino). La Welt spiega, invece, come da ragazzina, a 12 anni, visitò il campo di concentramento di Dachau con il padre e ne restò affascinata: “E’ stato bello”, scrisse sul suo diario della visita avvenuta i 22 luglio 1941. “Un’impresa grande”. Nel diario che teneva sulla crescita della sua bambina, la madre riferisce di quando, nel 1935, all’età di 6 anni, si preoccupò delle sorti del Fuehrer: “‘Deve morire anche lo zio Hitler?’ La rassicurai – annota Marga – dicendo che lo zio Hitler sarebbe vissuto ancora molto a lungo. Lei se ne rallegrò: 100 anni, molto a lungo, no mamma io lo so, 200 anni”.
LE LETTERE – A partire da domenica 26 gennaio 2014, il quotidiano tedesco Die Welt ha iniziato a pubblicare alcune fotografie e lettere dalla corrispondenza privata di Himmler. Le lettere scritte tra il 1927 e il 1945, sono quasi tutte indirizzate alla moglie Margarete e a sua figlia Gudrun. L’ultima lettera venne scritta quattro settimane prima che Himmler si suicidasse. La corrispondenza fu trovata nel 1945 da un militare americano in una cassaforte nella casa della famiglia Himmler.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.