Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Penso a Laura PDF Stampa E-mail
Scritto da Emilio Del Bel Belluz x Il Giornale   
Giovedì 26 Settembre 2019 00:36


e all'anziana signora

Vedo spesso un’anziana signora che cammina lentamente. Ha superato i novant’anni. La prima volta che ci siano incontrati è stata davanti al capitello della Sacra Famiglia, posto vicino alla mia casa. Stava pregando e la osservai, era bella come un fiore di maggio, serena perché nel suo volto si poteva leggere la pace che possedeva in quel momento. Rivolta alla Madonna chiedeva aiuto per le persone che le erano care. La salutai e mi misi a parlare con lei, mi confidò che si sentiva stanca a portare molti pesi. La vecchiaia non è una buona compagnia, specialmente in questa società che non supporta gli anziani.
La donna si mise a raccontarmi di una ragazza che aveva conosciuto durante il periodo bellico. Questa giovane si era nascosta con delle altre persone in un rifugio per scampare agli attacchi aerei anglo-americani. Abitava a Gorgo al Monticano, in provincia di Treviso, assieme alla sua famiglia e quel giorno fatale la madre cercò invano di farle comprendere che il pericolo che veniva dal cielo non era finito. In quel momento l’aereo americano mitragliò e la giovane Laura di quattordici anni cadde al suolo uccisa. Subito giunse la madre, ma i tentativi di soccorrerla furono inutili. Nessuno poteva fare nulla per lei. La signora anziana fu tra le prime ad assistere la ragazza, sorreggendole il capo insanguinato. La donna che ho innanzi è nata nel 1925, mentre mi racconta questo episodio le pare di essere tornata indietro con il tempo. Ricorda che quel giorno assolato, sua madre l’aveva mandata a raccogliere della legna che si trovava di solito lungo la ferrovia, si trattava di piccoli pezzi per accendere il fuoco e che deponeva in una grande cesta di vimini. Quello che accadde fu come un uragano, il volto della ragazza colpita era ancora molto bello. Penso a Laura, a quella vita stroncata prima di realizzare i suoi sogni. Parlo spesso con lei della Seconda Guerra Mondiale che ha portato solo sofferenza e morte, bussando alla porta delle famiglie senza ragione. Ho sentito raramente raccontare di episodi di morte provocati dai bombardieri anglo-americani che si abbattevano sulla popolazione inerme, su donne e bambini che lavoravano sui campi: questi atti criminali non hanno nessuna giustificazione. Questi aerei facevano un vero e proprio tiro al bersaglio, ma la cosa di cui sono certo è che i piloti saranno stati decorati con alte onorificenze. Sono episodi di guerra che non dovrebbero essere dimenticati e lasciati nel silenzio, il loro ricordo persiste finché i testimoni sono in vita. Io, invece, sento il dovere di ricordarli nelle pagine dei miei libri.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.