Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Giustizia italiana PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Venerdì 10 Gennaio 2020 11:19


L'assassinio di Alberto e i processi

Quel 10 gennaio 1979 i camerati erano a Centocelle in una commemorazione forte dell'eccidio di Acca Larentia l'anno precedente. D'improvviso un agente di Pubblica Sicurezza, Alessio Speranza, sparò ad altezza d'uomo e centrò Alberto Giaquinto alla nuca.
Dal primo istante cercarono di giustificare l'assassinio attestando che Alberto fosse armato e avesse puntato l'arma contro le forze dell'ordine. Il corpo agonizzante fu perquisito. Ma non finì lì: si recarono a casa dei genitori e, invece di mantenere un comportamento dignitoso e solenne, si diedero a una perquisizione capillare, squarciando divani e materassi per trovare delle armi che non c'erano.

Il padre di Alberto, Teodoro, non si diede mai per vinto e dopo una battaglia improba riuscì a far processare lo Speranza che venne condannato a.... sei mesi con la condizionale per "eccesso di legittima difesa"!

Un'altra storia s'interseca con questa ed è quella di Massimo Morsello che quel 10 gennaio a Centocelle c'era e volle testimoniare, incurante delle pressioni e delle minacce che ricevette dalle autorità.
Imputato per gli scontri egli pure fu condannato a.... dieci anni di carcere per "incendio e devastazione".

Questa era la giustizia in Italia.
Tenuto conto della sentenza di ieri a Bologna nei confronti di Cavallini ci è difficile credere che sia mutata.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.