Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'ultimo monarca reazionario PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Domenica 10 Maggio 2020 00:24


S'impose con le riedizione del Fronte Popolare

 

Svuotò il partito comunista, serrò i legami con la Germania e fu l'ultimo grande presidente francese. La sua prima elezione all'Eliseo avvenne il 10 maggio 1981. Fu in carica per due settennati. Nelle sue memorie ha spiegato come si conquista il consenso (non con le elezioni, che vengono poi) e ha messo in guardia sui cedimenti verso comunità e lobbies. Era socialista ma, decorato a Vichy, era armato di una salda cultura reazionaria ed era sincero amico di Ernst Jünger.
Fece fiorire ripetutamente la tomba del Maresciallo Pétain e riabilitò - integrando loro e le loro famiglie delle pensioni - i putschisti di Algeri.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Maggio 2020 18:32
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.