Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
The Passion, gli ebrei ortodossi condannano il film PDF Stampa E-mail
Scritto da AGI   
Martedì 20 Aprile 2004 01:00

Secondo alcuni Rabbini il film alimenterebbe in maniera smisurata l'antisemitismo.

"The Passion", il film di Mel Gibsone' pieno di incongruenze storiche e di sottili manifestazioni di antisemitismo". A bocciare la pellicola sono i rabbini Shlomo Bekhor e Ariel Bar Tzadok che, in un documento anticipato da RTL 102.5 nella trasmissione "Viva l'Italia" del 6 aprile scorso , spiegano come, al di la' delle opinioni personali che ciascuno puo' avere, vi sono all'interno del film alcune gravi imprecisioni.
Secondo i rabbini si tratta di "imprecisioni che alimentano nuove discordie e ridanno vigore ad antichi odi, frutto di errate interpretazioni storiche che hanno generato solo morte e distruzione".
Nel film, Gibson avrebbe utilizzato elementi caratteristici del moderno ambito ebraico, ad esempio capi di vestiario del tutto sconosciuti ai tempi di Gesu': i Sacerdoti e i rabbini indossano uno scialle fatto con lunghe strisce nere, simile in apparenza al modello del talli't (indossato dagli ebrei religiosi durante le preghiere del mattino) usato in Europa Orientale, mentre i Sadducei, i torturatori di Gesu', portano i classici riccioli ai lati del viso in maniera del tutto simile agli ebrei ortodossi dell'Europa Orientale di tradizione chassidica. E cosi' gli ebrei del film di Gibson, che picchiano Gesu' senza motivo e che con il loro comportamento risvegliano risentimento e rabbia in ogni spettatore vengono direttamente collegati agli ebrei dei nostri giorni.
Aggiungono i rabbini. "Le ragioni personali del regista prevalgono su ogni reale desiderio di essere storicamente accurato e corretto. I personaggi del film parlano latino, aramaico ed ebraico. Ma, spiega Ariel Bar Tzadok, "l'aramaico che ho sentito e' pessimo; vi sono infatti errori nei dialoghi, di grammatica, uso e traduzione". (AGI) Red/Cva 061228 APR 04

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.