Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Il ciberolocausto PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Mercoledì 24 Gennaio 2018 00:19


Un decimo della popolazione mondiale perderà il posto per colpa dei robot

Paura del robot? Nei prossimi anni, metà dei posti di lavoro in Europa potrebbe essere spazzato via dall'automazione. A sentire gli esperti della McKinsey, da qui al 2030, fra 400 e 800 milioni di persone, in tutto il mondo, dovranno cercarsi un lavoro diverso. Quale? Nessuno lo sa. Un rivolgimento paragonabile a quello della meccanizzazione dell'agricoltura, un secolo fa. Però, gridare sin d'ora alla catastrofe può essere prematuro. La digitalizzazione di fabbriche e uffici è in corso da tempo: i bancomat, i check-in automatici agli aeroporti, gli acquisti online hanno invaso la vita quotidiana. Ma, nel totale, almeno per ora, la mattanza nelle banche, negli aeroporti, nel commercio non c'è stata. Per bancari, hostess, commessi, i nuovi posti di lavoro sono venuti fuori per davvero.
L'Italia, purtroppo, non è un buon test. Le banche italiane sono state sconvolte da crisi e consolidamenti. Gli aeroporti dall'implosione dell'Alitalia. Il commercio dall'uscita di scena di un'intera generazione di negozianti. Ma gli Usa, dove la ripresa dalla crisi è in corso, sono un buon terreno di verifica. E, qui, milioni di posti di lavoro sono stati bruciati da software e macchine, ma milioni di posti di lavoro - non gli stessi, ma negli stessi settori - sono stati creati. Nelle banche, ad esempio, il ciclone dei bancomat infuria dagli anni '90. In vent'anni, sono passati da meno di 100 mila a più di 400 mila. Tutti scommettevano che sarebbe stata la morte del bancario: ormai depositare un assegno o incassare contante si poteva fare con una macchina. E invece no, osserva l'economista James Bessen: i posti in banca sono lievemente aumentati nello stesso periodo. Anzi, anche più velocemente che negli altri settori.
Il motivo - negli Stati Uniti - è che, grazie al lavoro del bancomat, una filiale che, prima, aveva bisogno di 21 dipendenti, adesso può andare avanti con 13. Meno addetti significa meno costi e diventa conveniente aprire nuove filiali. In futuro, probabilmente, cambierà. Gli esperti prevedono, in effetti, una riduzione del bancari nei prossimi anni. Ma dell'8 per cento: non propriamente Armageddon. Intanto, si è capito che il lavoro non scompare necessariamente, ma cambia. Anche in Italia. Nella mia banca c'erano cinque cassieri al banco e due consulenti ad un tavolo in angolo. Oggi ci sono due cassieri e cinque consulenti alle scrivanie nei box.
Qualcosa di simile è avvenuto negli aeroporti e sugli aerei, un'altra area in cui macchine e software consentono di fare, cambiare, comprare biglietti, effettuare il check-in, spedire bagagli ecc..  Però, negli Usa le compagnie aeree impiegavano, nel 1997, quasi 648 mila persone, di cui 526 mila a tempo pieno. Nel 2007, erano scese a 613 mila. Ma - sorpresa - nel 2017 sono risalite e anche sopra i livelli di venti anni prima: 696 mila addetti, di cui 581 mila a tempo pieno.
Anche la tempesta che ha investito il commercio ha lasciato sul terreno meno vittime del prevedibile. Per l'Italia è ancora presto: l'e-commerce è al 3 per cento dei consumi, contro il 10 per cento degli Usa. Ma quel 10 per cento di consumi che hanno abbandonato negozi e centri commerciali è stato sufficiente a terremotare il settore: solo dal 2012 ad oggi, la chiusura di vetrine e mall ha sacrificato 280 mila posti di lavoro. Però, il commercio online ne ha creati, nello stesso periodo, 320 mila. Anzi, di più, se consideriamo il ricasco sui trasporti, la gestione dei depositi e tutta la logistica di spedizioni e consegne. Ed è probabile che i nuovi posti siano più gratificanti di 8 ore da commessa. In ogni caso, meglio pagati: 60 mila dollari l'anno, in media, nel commercio online, contro i 20 mila (in virtù anche del part time) del commercio tradizionale.
E' un falso segnale? Può essere. E' una pausa illusoria di una transizione che sarà inevitabilmente spietata? Forse. Per ora, però, i numeri (complessivi, le traversie individuali sono un'altra cosa) dicono questo.



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.