Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Platone addio PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 01 Febbraio 2018 00:02


L'uomo non è più un animale sociale

Quasi uno studente su 10 ha deciso quest’anno di non partire con i compagni per il campo scuola. Di questi, uno su tre preferisce restare a casa perché non ha voglia di stare con i compagni di classe. Sono i dati dell’ultima indagine effettuata dal sito Skuola.net sui viaggi d’istruzione organizzati dalle scuole italiane. La crisi di questo tipo di attività scolastica è evidente. 
L’anno scorso allo stesso sondaggio il 56% degli studenti ha risposto che sarebbe partito. Quest’anno soltanto il 42%, meno della metà degli studenti italiani. 
Stavolta però il sito ha aggiunto una domanda che ha permesso di quantificare per la prima volta un fenomeno che, per chi ha a che fare con il mondo della scuola è sempre più evidente, l’incapacità di avere rapporti con i coetanei. «Non mi va di stare con i miei compagni di classe», è la spiegazione fornita dal 30% di coloro che non partiranno per motivi personali. Non c’è un riferimento storico perché la domanda lo scorso anno era stata posta in modo diverso, ma è una percentuale comunque allarmante.
«Chi è stato studente ricorda il viaggio di istruzione come un’occasione attesa non tanto per l’interesse culturale della meta, quanto per passare del tempo insieme al gruppo classe al di fuori del normale contesto scolastico. E chi non si univa al gruppo classe, lo faceva essenzialmente per motivi economici - spiega Daniele Grassucci, co-fondatore e responsabile dei contenuti di Skuola.net -. Oggi questa è la seconda causa di rinuncia. La prima in assoluto è legata allo scarso feeling con i compagni di classe. Un fatto nuovo, che sembra confermare alcuni studi, che associano al sempre maggiore tempo speso sui social una degradazione della capacità di relazionarsi nel mondo reale. Non è raro osservare che gli adolescenti di oggi (ma anche gli adulti), quando stanno insieme in uno stesso luogo fisico non interagiscono tra loro, ma utilizzano lo smartphone» . 
Le difficoltà economiche, infatti, impediscono di partire al 28% degli studenti che non partecipano ai viaggi d’istruzione per motivi personali, la paura del terrorismo al 3%, la mancanza di fiducia dei genitori al 6%. Si tratta di viaggi che nella maggior parte dei casi vengono effettuati in pullman (48%), tra marzo e aprile (63%), e costano meno di 400 euro (70%). Una normale gita scolastica, insomma, quella che per gli studenti ha sempre rappresentato il momento più divertente dell’anno e che negli ultimi tempi è un motivo di scontro con i prof che non hanno più voglia di assumersi le mille responsabilità di accompagnare un gruppo di adolescenti senza avere un centesimo in più (il 25% dei ragazzi che non partono perché la scuola non lo consente spiega che il motivo è il mancato consenso dei prof). 
E, invece, sono sempre di più i ragazzi che rinunciano. «Sono le distonie emotive - spiega Mario Rusconi del consiglio nazionale dell’Associazione nazionale presidi - che sono in forte aumento tra ragazzi e ragazze. Aumenta l’aggressività adolescenziale e gli episodi di bullismo, perché aumenta il numero di coloro che trascorrono il pomeriggio a casa da soli, senza genitori, con uno smartphone in mano invece di un libro o un pallone in cortile. Vivere nei social significa amplificare le situazioni di conflittualità e creare le condizioni perché nella realtà i rapporti siano sempre più difficili. Le scuole purtroppo non sempre sono in grado di affrontare il problema, perché preferiscono utilizzare i fondi che hanno a disposizione per formazione o per la digitalizzazione, invece che per aprire un servizio psicologico interno».

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.