Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Fitn Uss PDF Stampa E-mail
Scritto da Perseo News   
Lunedì 05 Febbraio 2018 00:00


Fai ginnastica e smascheri un obiettivo militare americano

Condividere online e sui social la propria attività fisica monitorata con smartphone e braccialetti “smart” tipo Fitbit può avere anche dei risvolti inaspettati e potenzialmente pericolosi.
Dai dati caricati su una mappa globale del fitness sono emersi dettagli su basi militari americane, presumibilmente svelati involontariamente dai gadget connessi dei soldati. Il caso, riporta il Washington Post, è stato sollevato da un ventenne australiano.
I dati arrivano dalla mappa online di Strava, piattaforma che utilizza dati satellitari per mappare i movimenti degli utenti, circa 27 milioni in tutto il mondo, che condividono durata e percorsi delle sessioni di footing ma anche dell’attività fisica che svolgono, ad esempio a piedi o in bici.
Le informazioni non sono condivise in tempo reale ma mostrano l’attività accumulata tra il 2015 e settembre 2017, “illuminando” i percorsi più battuti. Negli Usa e in Europa la mappa è molto fitta, mentre in zone di guerra come l’Afganistan o la Siria è buio totale. O quasi, visto che si registrano dei picchi di attività in prossimità di luoghi che corrispondono a basi militari americane più o meno note, svelandone informazioni strategiche come l’esatta posizione o il perimetro.
Presumibilmente le informazioni satellitari arrivano dagli stessi militari o da altri membri del personale delle basi che usano gadget per il fitness e che sono iscritti a Strava. Il colonnello John Thomas, portavoce del Comando centrale americano, ha detto al Washington Post che il caso è all’attenzione delle forze armate.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.