Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La madre dei coglioni sgrava sempre PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Giovedì 08 Marzo 2018 00:42


Gli antifa pupazzi idioti e criminali a disposizione di chi dal 4 marzo non ne ha più bisogno

Un ordigno rudimentale è scoppiato la scorsa notte, intorno alle 4,30, all'entrata de "Lo spazio libero Baluardo", sede di CasaPound a Trento, provocando danni alla serranda all'ingresso e alla porta a vetri. Ignoti hanno firmato questo attentato con questa scritta a spray sul muro d'ingresso: "Unico voto utile, antifascismo sempre". Agenti della Digos hanno ritrovato i resti dell'ordigno formato da alcuni grossi petardi assemblati. Alcuni residenti di via Marighetto, nella zona Sud di Trento, hanno udito distintamente lo scoppio e sono scesi in strada con il buio.
Si tratta della seconda bomba contro Casapound Trento, la precedente nel marzo 2014. Allora l'esplosione, simile nelle colnseguenze, divelse la saracinesca di ferro, distrusse una vetrata e fece saltare un pezzo di muro. Allora, come questa volta, nessun ferito. Sempre nel 2014, a febbraio, vigilia del Giorno del ricordo delle vittime delle foibe, la sede era stata vandalizzata con una scritta a bomboletta e sporcata con cumuli di immondizia davanti alla porta d’ingresso.
Le indagini sono concentrate negli ambienti dell'antagonismo. La scritta sul muro non è stata affiancata da alcun simbolo. Elementi utili alle indagini potrebbero arrivare dall'analisi delle telecamere di videosorveglianza piazzate nella zona di Trento Sud.
Sono stati gli stessi militanti dell'organizzazione della destra sociale a rendere pubblica la notizia. Il responsabile Casapound di Trento, Filippo Castaldini, in un comunicato ha scritto: "E' l'ennesimo gesto di chi non sa più proporre ed è incapace di confrontarsi. Al termine di una campagna elettorale che ha visto un antifascismo isterico manifestare con contenuti minimi ma sempre maggior violenza, oggi l'epilogo compiuto dai figliocci di quei politici
che in queste settimane hanno sproloquiato di antifascismo chiedendo la chiusura di un movimento legalmente riconosciuto come il nostro e che, sempre protetti e legittimati, hanno agito con il favore della notte". Casapound Trento ha sostenuto che continuerà l'attività.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.