Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Uccidere un marito non è reato PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Lunedì 26 Marzo 2018 00:20


Nemmeno se ne muri il cadavere per farlo sparire

Polemiche in Francia dopo la sentenza che ha condannato una donna, Edith Scaravetti, colpevole di aver ucciso il marito violento con una carabina e averlo murato nel cemento, a 3 anni di carcere contro i 20 che chiedeva l'accusa. La sentenza di Tolosa è stata presa dopo che i giurati hanno tenuto in considerazione il peso delle violenze subite per anni dalla donna. La condanna a tre anni è stata pronunciata per "omicidio involontario" ed ha suscitato la violenta protesta in aula dei familiari del defunto. Anche perché Edith Scaravetti, in carcere dal 21 novembre 2014 (alla scoperta del cadavere del marito, tre mesi dopo la morte) è rientrata libera a casa in serata. Gli avvocati dell'imputata hanno descritto durante il processo la personalità del marito, Laurent Baca, "uomo che esigeva tutto, che ha fatto vivere per 10 anni un vero calvario a Edith Scaravetti", fatto di "violenze fisiche, psichiche e sessuali". Per questo "non potete giudicare Edith Scaravetti come una volgare assassina".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.