Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Il futuro? PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 11 Aprile 2018 00:37


Robot, androidi ed extraterrestri

L'intelligenza artificiale va in cerca di ET: un sistema è stato addestrato a riconoscere le principali caratteristiche dei pianeti finora scoperti al di fuori del Sistema Solare, classificandoli in 5 categorie in base alla probabilità che ospitino la vita. La ricerca, dell'Università britannica di Plymouth, è stata presentata alla Settimana Europea di Astronomia e Scienza dello Spazio e potrà essere utile alle future missioni di esplorazione spaziale.
Il sistema di intelligenza artificiale si basa su reti neurali che imitano il modo il modo in cui il cervello umano apprende e sono particolarmente efficienti nell'identificare schemi estremamente complessi. Il gruppo di Christopher Bishop ha addestrato il sistema a classificare i pianeti in 5 categorie, in base alla somiglianza con la Terra attuale, la Terra primordiale, Marte, Venere e la luna più grande di Saturno, Titano. Tutti hanno in comune il fatto di essere corpi rocciosi, di avere un'atmosfera e, nel Sistema Solare, hanno le maggiori potenzialità di poter ospitare forme di vita.
I ricercatori hanno addestrato il sistema presentandogli inizialmente le osservazioni relative all'atmosfera e alle caratteristiche orbitali dei 5 pianeti. Dopo più di un centinaio di analisi, ognuna basata su diverse centinaia di parametri che contribuiscono all'abitabilità, il sistema ha imparato a inquadrare anche pianeti sconosciuti. "Queste reti neurali artificiali - spiega Bishop - permetteranno di stabilire una priorità nelle ipotetiche future esplorazioni di nuovi sistemi planetari, o di selezionare gli obiettivi più promettenti da osservare per i nuovi telescopi spaziali".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.