Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Oltre questa nemmeno la fantasia più perversa PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Mercoledì 18 Luglio 2018 00:41

Un inno contro i razzismi, una sfida ai populismi. Davanti al tempio di Nettuno, di notte, il direttore del Parco archeologico di Paestum, l'archeologo tedesco Gabriel Zuchtriegel, in versione pianista, e il violoncellista Aurelio Bertucci affidano alla versione ritmata yiddish di "Bella Ciao" l’ideale chiusura del concerto che fa "suonare l’architettura". Questa volta con note che evocano uguaglianza, accoglienza, apertura all’altro. Anche questo può ricordare oggi l’architettura greca nata sul suolo italico 2.500 anni fa. Come a Paestum.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.