Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Meridionexit PDF Stampa E-mail
Scritto da facebook   
Martedì 25 Settembre 2018 00:38


has done

Con una risonanza scopro di avere due meningiomi ben incastonati nel mio cervello, dopo un attimo di smarrimento ci viene suggerito il nome di un ottimo neurochirurgo che dopo aver visto la risonanza ci dice che la soluzione è operare.
Vediamo un secondo specialista e poi un terzo... stessa sentenza.. aprire, togliere e richiudere. Effetti secondari? meglio sorvolare.
Decidiamo così di lasciare i meningiomi al loro posto, poi capita di incontrare una dottoressa del S.Lucia, le parlo dei miei problemi e mi suggerisce di rivolgermi al San Raffaele a Milano al reparto di neurochirurgia del Prof. Mortini, lei lo conosceva perché aveva affrontato lo stesso mio problema in famiglia poi risolto in modo non invasivo.
Il prof Mortini visita a Roma due volte al mese, ci riceve dopo pochi giorni, vede la mia risonanza e mi rassicura spiegando che loro trattano i meningiomi con Gamma Knife, niente operazione, niente tagli, solo raggi gamma che attraversano il mio cranio andando a distruggere il mio problema...
Dopo quindici giorni dalla visita mi chiamano a Milano per il trattamento, alle 8 del mattino mi preparano con la struttura che vedere nella foto, mi fanno sdraiare sul lettino di un macchinario che assomiglia ad una TAC e dopo due ore è tutto finito ...i meningiomi non ci sono più, tolgono il “casco” e mi portano in reparto, dopo cinque ore mi rilasciano e prendo l'aereo per Roma. Fine.
Ci sono due Italie? una che si ferma al Lazio e quella dal Lazio in giù?
Neanche il mio medico curante conosce il Gamma Knife, non parliamo dei neurochirurghi...
Voglio aggiungere ancora una cosa, la prima macchina per la Radiochirurgia Gamma Knife , che oggi compie cinquant’anni, arrivò in Italia circa trent’anni fa, precisamente a Roma, un neurochirurgo molto all'avanguardia decise di andare in America per specializzarsi nell'uso di questa nuova macchina, raccolse i soldi per l'acquisto nel sud Italia e la macchina venne posizionata al CTO. di Roma, lavorò forse uno o due mesi poi lo licenziarono e chiusero la macchina nel seminterrato e lì ancora giace... pare desse molto fastidio a troppe persone...
La radiochirurgia Gamma Knife non agisce solo sui meningiomi ma anche sui tumori, per avere le giuste informazioni andate su internet e cercate Gamma Knife - Radiochirurgia Stereotassica - Professor Mortini.
Raccontando la mia storia spero di aiutare altri che come me si trovano a dover prendere decisioni difficili avendo una possibilità di scelta.
Per questo motivo vi prego di condividere questo mio messaggio perché arrivi a più persone possibile, dovessi aiutare anche una sola persona avrei raggiunto il mio scopo.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.