Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Il bel paese è un formaggino PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 29 Marzo 2019 00:13


che rischia di squagliarsi una volta spalmato

La debolezza dell’economia italiana torna sotto la lente del Fondo Monetario Internazionale, che non esclude una nuova contrazione del Pil nel corso del primo trimestre.
Lo ha detto il vice direttore generale del Fmi, David Lipton, a Lisbona – riferisce Bloomberg – sottolineando le “evidenti vulnerabilità” che hanno lasciato il Paese impreparato a fronte dei rischi che gravano sulla Ue, dal rallentamento della crescita all’impatto del protezionismo e della Brexit.
“Anche se la maggior parte delle previsioni mostra che ci sarà un po’ di ripresa in Europa, molti sono stati sorpresi dalla grandezza e dal passo del recente rallentamento”.
Lipton che, tra i rischi alla stabilità globale, ha citato anche le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, ha avvertito inoltre che il Vecchio Continente potrebbe non essere in grado di fare affidamento sugli strumenti utilizzati nel 2008 per combattere la crisi finanziaria, perché le banche centrali hanno scarso o nessun margine di manovra per interventi di stimolo, mentre la maggior parte dei governi è già gravata dal debito.
Ad aggravare la situazione, il rischio che ci possa essere “resistenza politica” a ulteriori salvataggi dopo le critiche secondo cui l’ultima recessione ha avuto un impatto non uniforme sulla società. L’Europa deve fare di più, ha concluso Lipton, “deve superare le carenze politiche che potrebbero esacerbare la prossima crisi quando arriverà”.



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.