Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Niente futuro PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Mercoledì 17 Aprile 2019 00:31


Il DEF ignora le scelte strategiche

Se il futuro di un Paese si misura sugli investimenti che si fanno sulla formazione e l’istruzione dei propri giovani l’Italia non solo prevede in futuro di ridurli - in vista anche della diminuzione del numero degli studenti - ma a politiche invariate con il debito in crescita tra 15 anni spenderemo in interessi il doppio di quanto facciamo per la scuola. A certificarlo è il Def del Governo che intanto ribadisce come già il costo annuale del nostro debito superi quello per l’istruzione: nel 2020 la spesa per interessi sarà del 3,6% del Pil contro il 3,5% in istruzione. Una china che agli studenti non piace: «È inaccettabile continuare a non considerare l’istruzione come una priorità».
Già prima della crisi il nostro Paese si trovava nella seconda metà della classifica europea per percentuale di spesa in istruzione rispetto al Pil. Dal 2011 invece si colloca stabilmente negli ultimi posti. Nel 2016 (ultimo anno disponibile con i dati Eurostat) risultava quintultima tra i 28 paesi dell'Unione europea. E ora, come già anticipato da Scuola24 l'istruzione si conferma un “capitolo di spesa” poco attrattivo anche per il governo giallo-verde: Nel 2020, è scritto a pagina 99 del «Def», appena approvato dal governo, la spesa per questo settore rispetto al Pil scende al 3,5 per cento. Nel 2025 si passa al 3,3; nel 2030 al 3,2; nel 2035 al 3,1 per cento. «A partitre dal 2022 tale riduzione - si legge ancora nel Def - è essenzialmente trainata dal calo degi studenti indotto dalle dinamiche demografiche. Il rapporto riprende a crescere leggermente nella parte finale del periodo di previsione attestandosi intorno al 3,4% nel 2070». La cosa che colpisce è, a parte la bassa propensione a investire nell’istruzione che arriva ormai da molto lontano, il fatto che ormai il nostro Paese spende e spenderà sempre di più per pagare il suo debito (arrivato quasi al 135% del Pil). Sempre nel Def si calcola che la spesa per interessi passerà dal 3,6% del Pil nel 2020 al 4,4% nel 2025 per schizzare poi al 5,5% nel 2025 e al 6,3% nel 2035. In pratica tra quindici anni - a politiche invariate - spenderemo il doppio per interessi sul debito che per finanziare l’istruzione dei ragazzi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.