Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
E l'uomo creò Dio PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Mercoledì 17 Aprile 2019 00:36


Anzi, lo fece creare dall'intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale (AI) incontra ancora una volta l'arte, questa volta la scultura. L'idea è dell'artista newyorchese Ben Snell, che ha "addestrato" il suo computer allo scopo di trasformarlo in uno scultore. Per farlo, ha sfruttato un algoritmo di 'machine learning' a cui sono state sottoposte le immagini di oltre 1.000 sculture classiche, tra cui anche il David di Michelangelo. Basandosi su questo archivio, l'AI ha progettato un'opera d'arte originale che ora è in vendita presso la casa d'aste londinese Phillips.
La particolarità dell'opera immaginata da Snell è che, non solo è solo progettata da un algoritmo ma è fatta anche della polvere del computer che lo ha creato. Snell, infatti, dopo aver scritto il programma che ha progettato la scultura, ha smontato ogni elemento del Pc (scheda madre, scheda grafica, il processore) e ha polverizzato ogni pezzo con una levigatrice.
"Ho usato la materia prima del calcolo per realizzare questa scultura: sia la sua potenza di elaborazione computazionale che la sua disponibilità materiale letterale", ha spiegato l'artista al sito Fast Company. Il risultato finale, si chiama Dio perchè ispirato alla divinità greca Dioniso.

Sì, certo, come no?

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.