Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Piccoli adolescenti decrescono PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Mercoledì 05 Giugno 2019 00:27


Nel borsellino e con effetti collaterali sorprendenti

Alla fine i millennial non sono così diversi dai giovani della generazione X  o dai baby boomers nelle modalità in cui spendono i loro soldi. Lo afferma un nuovo studio di Deloitte secondo cui quando si tratta di spendere soldi in cibo, ristoranti e alcol, i giovani hanno all’incirca lo stesso budget di quello che avevano i loro genitori da giovani.
Lo studio ha citato i dati dell’ultimo censimento che indica che il patrimonio netto dei consumatori americani al di sotto dei 35 anni sceso di oltre un terzo dal 1996.
I millennial sono meno abbienti rispetto alle generazioni precedenti con guadagni più bassi, meno beni e meno ricchezza e a seconda della loro età e di altri fattori, non sembrano avere preferenze di consumo che differiscono significativamente da quelle delle generazioni precedenti”.
I guadagni medi reali per i maschi che lavorano a tempo pieno erano del 18% e del 27% più alti per la generazione X e i baby boomers rispetto ai millennials. Per le giovani donne, la differenza è più piccola – 12% per la generazione X e 24% per i boomers, ma dice lo studio che  le generazioni precedenti producevano più reddito.
Nel complesso, il quadro dipinto dallo studio di Deloitte mette in luce come i millennial hanno meno soldi da spendere rispetto ai baby boomers e alla Generazione X alla stessa età e con meno soldi da spendere, sono costretti ad essere più esigenti. Alcuni acquisti – come un’auto o una casa – rimangono fuori dalla portata di molti, costringendo a un ulteriore cambiamento nel modo in cui i millenial spendono i loro soldi. Da qui lo studio conferma che è vero che le abitudini dei giovani stanno minacciando innumerevoli industrie facendo crollare le vendite ma solo perché i millennial sono più poveri dei loro genitori.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.