Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Rockerduck PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 19 Settembre 2019 00:24


Ancora una volta è Bill Gates

Da anni siede ai vertici delle classifiche degli uomini più ricchi al mondo con un patrimonio netto stimato oltre 100 miliardi di dollari. E ancora oggi quella messa in piedi da Bill Gates, fondatore di Microsoft, è una vera macchina in grado di creare soldi.
Il segreto?
“Non sono in una posizione difensiva. Gran parte del mio portafoglio non è rappresentato dai contanti”, ha dichiarato il fondatore della Microsoft Corp. in un’intervista a Bloomberg Television. “Il 60% del mio portafoglio è composto da investimenti in azioni”. Una percentuale quasi doppia rispetto alla media dei portafogli delle famiglie americane nel 2018 (dati Campden Wealth).
Una strategia che, numeri alla mano, ha aiutato Gates ad aggiungere $ 17 miliardi al suo patrimonio netto quest’anno, portando la sua ricchezza a $ 106 miliardi, dietro solo Jeff Bezos nell’indice Bloomberg Billionaires.
Una montagna di soldi che potrebbe iniziare a ridursi se i politici rispondessero alla sua richiesta di tasse più elevate.
“Dubito che gli Stati Uniti faranno una tassa sul patrimonio, ma non sarei contrario”, ha detto nell’intervista. “La cosa più vicina ad essa è l’imposta sulla proprietà. E sono stato un grande sostenitore del fatto che dovrebbe tornare al livello del 55% rispetto a qualche decennio fa “.
Mentre Gates rimane fiducioso negli Stati Uniti e nell’economia globale, dubita che la redditività del passato possa durare.
“Ci sono ragioni per pensare che i rendimenti assoluti per il prossimo decennio saranno inferiori a quelli degli ultimi decenni” ha concluso.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.