Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
What a wonderful world PDF Stampa E-mail
Scritto da tg24   
Lunedì 07 Ottobre 2019 00:48


Fabbriche per lo Ius Culturae

La polizia nigeriana ha liberato 19 donne incinte durante un'operazione condotta a Lagos contro le cosiddette "fabbriche di bambini". Secondo quanto riportato dai media nigeriani, Le donne, di età compresa tra 15 e 28 anni, erano state sequestrate "con l'intento di metterle incinte e vendere poi i bambini". I neonati sarebbero stati venduti a 1.400 dollari, se maschio, o a 830 dollari, se femmina. La polizia ha arrestato due donne.
La maggior parte delle donne erano state attirate a Lagos con la promessa di un lavoro, ma poi erano state sequestrate e violentate. Altre, secondo la polizia, sapevano invece a cosa andavano incontro. Una di loro ha raccontato a un quotidiano locale di essere stata ingannata e di avere avuto rapporti sessuali con sette uomini prima di rimanere incinta. La donna che gestiva la casa dove si trovava le aveva detto che in cambio avrebbe ricevuto una lauta somma di denaro.
Non è questa la prima vota che vengono scoperte "fabbriche di bambini" in Nigeria, Nel Paese, che è la prima economia africana, la povertà è comunque molto diffusa, così come il traffico di esseri umani. Nel 2018 in un altro raid simile furono liberati 160 bambini.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.