Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non solo il maschio bianco dell'uomo PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 18 Settembre 2017 00:03


Nel mondo moderno a rischiare l'estinzione siamo in parecchi

Il leopardo delle nevi non rischia più l'estinzione. Ma è allarme per insetti, antilopi e frassini
Secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura su 87mila specie monitorate 25mila sono in pericolo. Tra le cause il cambiamento climatico, il bracconaggio e l'espansione dell'uomo.
Da "in pericolo" a "vulnerabile": un solo balzo e il leopardo delle nevi può tirare un sospiro di sollievo. A rischio dal 1972, le possibilità di scomparsa dalla Terra dell'animale che popola le montagne dell'Asia centrale sono state ridotte dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn). Il pericolo di estinzione, fino a oggi, è stato catalogato con il quarto dei nove livelli della "lista rossa" dell'Iucn, cioè la presenza di meno di 2.500 esemplari in età riproduttiva e con un alto tasso di mortalità. Con il passaggio a 'vulnerabile', la quinta casella della scala, il numero degli adulti si colloca tra i 2.500 e i 10mila esemplari, con le percentuali di decesso che si abbassano un po'.
Il pericolo derivava dalla distruzione, da parte dell'uomo e del cambiamento climatico, del loro habitat. Ma non va sottovalutato anche il bracconaggio, dato che la pelliccia del leopardo delle nevi gode di un'alta considerazione. "La specie è ancora a rischio - spiega Tom McCarthy, che guida lo Snow Leopard Programme -, può darsi che il processo d'estinzione sia solo rimandato. E' una notizia che va accolta tiepidamente, ancora non ci possiamo permettere di festeggiare". A favorire l'aumento del numero dei leopardi delle nevi i programmi di protezione in aree protette portati avanti negli ultimi anni.
Il leopardo delle nevi vive a ridosso dei ghiacciai dell'Himalaya e dei monti Altaj, in Russia, tra i 3mila e i 4,5mila metri. Si muovono in un'area di 1,8 milioni di chilometri quadrati che tocca 12 Paesi. Si nutrono di animali selvatici e bestiame, per questo molti esemplari sono stati uccisi dagli allevatori.
Le altre specie a rischio. Se i leopardi delle nevi escono, la red list dell'Iucn si gonfia sempre più grazie ad altre specie di animali, insetti e piante. Tra questi, ad esempio, le antilopi africane e i frassini in Nord America. Su 87.967 specie monitorate, 25.062 sono a rischio estinzione. "Le attività umane - sottolinea Inger Anderson, direttore generale dell'organizzazione - stanno spingendo le specie sull'orlo del baratro così velocemente che diventa impossibile valutarne il declino in tempo reale. Anche specie che credevamo al sicuro devono adesso affrontare la minaccia di scomparsa imminente". E il cambiamento climatico gioca un ruolo determinante.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.