Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
ERITREA: 200 METICCI CHIEDONO CITTADINANZA ITALIANA PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Martedì 20 Luglio 2004 01:00

Asmara - "Sono italiani-non-italiani, perche' a loro e' stato negato il pieno riconoscimento della cittadinanza che gli appartiene di diritto. Sono insomma i meticci.

E per meticci si intende coloro che sono italiani per parte di padre ed eritrei per parte della madre, o viceversa. Persone relegate a vivere nell'anonimato la loro appartenenza alla razza bianca, assimilate in tutto e per tutto alla popolazione locale, spesso con uno status subordinato". E' questo l'appello di padre Protasio Delfini, presidente del Comitato di studi cittadinanza italo-eritrei, al ministro per gli Italiani nel mondo, Mirco Tremaglia, in visita ad Asmara. Si tratta, spiega padre Delfini, di circa 200 persone che chiedono da anni la cittadinanza italiana e che non hanno ancora visto realizzato il loro sogno, pur avendone diritto. "Piu' tempo passa - dice il sacerdote - piu' le attese si fanno lunghe e penose. Ed i tempi della giustizia italiana, purtroppo, sono lunghi, troppo lunghi. E piu' sono lunghi i tempi, piu' la lista dei richiedenti si assottiglia e, questo per ovvi motivi. Chi muore, lascia in eredita' ai figli il retaggio di una vita sprecata nell'attesa di un sogno irrealizzabile".
Immediata la risposta del ministro Tremaglia che in mattinata nella capitale eritrea ha incontrato proprio i rappresentanti della comunita' italiana.
"Il governo - dice Tremaglia - sta affrontando la questione. Ci sono state sentenze in varie parti d'Italia a favore ad altre, come a Roma, contrarie. La documentazione e' la vera difficolta', anche perche' quando non si ha piu' il padre e la madre e' difficile provare di avere origini italiane. E' una questione complessa che bisognera' affrontare rapidamente caso per caso". (AGI) Red/Sep/Van
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.