Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Quell’epidemia mortale denominata progresso PDF Stampa E-mail
Scritto da Agr   
Giovedì 05 Agosto 2004 01:00

La follia di voler mettere tutti ai “passi coi tempi” si è mostrata una volta di più disastrosa. Quasi quattrocentomila cinesi uccisi dalle vaccinazioni perché non avevano disinfettato le siringhe

Quasi il bilancio di una guerra quello delle morti in Cina per uso incauto di siringhe. Il ministero della Sanita' di Pechino oggi riferisce di almeno 390mila vittime che avrebbero contratto malattie mortali (Aids, epatiteB e altre) a causa di iniezioni fatte senza rispettare le piu' elementari regole d'igiene, neppure quella della sostituzione dell'ago dopo la somministrazione farmacologica. In Cina, caso unico al mondo, il 70 per cento dei circa 840 mila malati di Aids ha contratto la malattia vendendo il sangue. Su questa situazione quasi endemica, si aggiunge l'ombra dei trafficanti di sangue. Sembra infatti che i malati siano concentrati nella provincia dell'Henan, dove un gruppo di trafficanti acquistava il sangue dai contadini per poi rivenderlo con profitto agli ospedali della regione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.