Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tempi Moderni
Quando crollano le vette PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Venerdì 16 Luglio 2004 01:00

Franano una dopo l’altra alcune punte delle Dolomiti. Lo si deve alla struttura porosa di quella roccia unica al mondo o c’entra anche il surriscaldamento planetario ? Certo che chi crede nei simboli…

Dopo la punta del piccolo Cir, franata con la sua croce di ferro nei giorni scorsi, un altro pezzo di Dolomiti si e' sgretolato. E' accaduto nel parco naturale delle Odle. Un migliaio di metri cubi di roccia della parete ''Canssles''a quota 2.600 e' franato a valle per un centinaio di metri, andando a finire sul sentiero 13 dell'Alta via delle Dolomiti. Fortunatamente nel momento della frana non passavano alpinisti e percio' non vi sono feriti.
Quello della caduta di costoni rocciosi e' un fenomeno tipicamente estivo e, secondo gli esperti, e' dovuto alle particolarita' della roccia dolomitica. Si tratta infatti di un materiale relativamente poroso, frutto dell'accumulo, migliaia e migliaia di anni fa, dei micro/organismi acquatici sviluppatisi sotto la superficie di mare che a suo tempo copriva le vallate. Con le frequenti piogge e con gli sbalzi termici particolarmente elevati, tipici della stagione estiva, la roccia cede e alcune parti precipitano a valle. E' proprio a questo fenomeno che viene attribuito il tipico aspetto scosceso delle cime dolomitiche.

 
Alla fiera dell’individualismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Venerdì 16 Luglio 2004 01:00

Succede anche questo. Genitori/mostri danno l’eroina al figlio di quattro anni. “Serviva per farlo dormire”

Davano l'eroina anche al figio di 4 anni: una giovane coppia di genitori e' stata arrestata. La drammatica e grave vicenda e' emersa nel corso delle indagini che ha portato gli uomini della Squadra Mobile di Roma ad eseguire i 28 arresti nella capitale. Ventinovenni, entrambi incensurati, residenti nel quartiere Centocelle, secondo quanto accertato dagli investigatori, avevano piu' volte drogato il proprio figlio somministrandogli dell'eroina, in piccole dosi, nel biberon per tenerlo buono e farlo dormire. La coppia si occupava inoltre di detenere nella propria abitazione lo stupefacente per conto dell'organizzazione

 
Quel po’ che resta verrà programmato PDF Stampa E-mail
Scritto da Adnkronos   
Giovedì 15 Luglio 2004 01:00

Parliamo del cervello che verrà manipolato con abilità dagli scienziati di uno dei più grandi consessi oligarchici mondiali, la Carnegie.

Una tecnica fotografa singoli neuroni del cervello. Grazie ad un topo transgenico si metteranno a punto nuovi farmaci. Alcuni ricercatori Usa hanno messo a punto una tecnica che, per la prima volta, monitora l'attività del cervello 'vivo' a livello cellulare. In futuro potrebbe essere usata ''per svelare ai ricercatori come i farmaci agiscono a livello di neuroni specifici'', spiegano gli studiosi della Carnegie Mellon University sul 'Journal of Neuroscience'. In questo modo, la scoperta potrebbe facilitare la messa a punto di nuove strategie terapeutiche.

 
Vogliono un apartheid nel cuore d'Europa PDF Stampa E-mail
Scritto da pagine ebraiche   
Lunedì 22 Novembre 1999 01:00

alt
Fondamentalisti israeliti perseguono il Medinat Weimar

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Luglio 2012 10:24
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 171 172 173 174 175 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.